160x142-banksy-palermo.gif

Martedì, 29 Settembre 2020 18:35

Passeggiate notturne nei siti archeologici vesuviani

Scritto da 

Per otto serate, dal 2 al 24 ottobre, tutti i venerdì e i sabati, dalle ore 20 alle 23 (ultimo ingresso ore 22,00)

NAPOLI - Prendono il via, a partire dal 2 ottobre, le passeggiate notturne nei siti archeologici vesuviani, da Pompei alla Reggia di Quisisana a Castellammare di Stabia, dal Museo archeologico di Stabiae 'Libero D'Orsi', alla Villa di Poppea a Oplontis e a Villa Regina a Boscoreale.

A Pompei le passeggiate notturne interesseranno uno dei luoghi più monumentali del sito, l'area del Foro, cuore della vita politica, religiosa ed economica della città antica, attraverso un percorso di suoni e luci a cura di Enel Sole, che ha inizio da porta Marina. L'itinerario si conclude con una video proiezione alla Basilica, l'antico palazzo di Giustizia e con l' uscita dal Tempio di Venere su Piazza Esedra. Ingresso di Porta Marina superiore con uscita a Piazza Esedra.

Stabia partecipa con la possibilità di accedere al Museo archeologico di Stabiae Libero D'Orsi, nuovo spazio museale di recente inaugurato negli storici ambienti della Reggia di Quisisana e dedicato all'esposizione di numerosi e prestigiosi reperti del territorio stabiano, alcuni mai esposti prima in Italia, tra affreschi, pavimenti in opus sectile, stucchi, sculture, terrecotte, vasellame da mensa, oggetti in bronzo e in ferro. 

Il percorso espositivo del museo, il cui progetto scientifico è curato dal Parco Archeologico di Pompei, si propone di offrire un quadro complessivo di Stabiae e dell'Ager Stabianus dall'età arcaica sino all'eruzione del 79 d.C. Ad Oplontis sarà possibile accedere alla Villa di Poppea illuminata, tra i più splendidi esempi di villa dell'aristocrazia romana, attribuita a Poppaea Sabina, moglie dell'imperatore Nerone.

A Boscoreale sarà possibile accedere alla Villa regina, unica villa rustica interamente visitabile tra le numerose fattorie specializzate nella produzione agricola presenti sul territorio pompeiano. E' composta da vari ambienti disposti sui tre lati di un cortile scoperto che ospita la cella vinaria con diciotto dolia (orci per la conservazione del vino). L'attività principale era infatti la produzione del vino.

A Pompei, Oplontis e Villa Regina è prevista un'ulteriore apertura serale il 31 ottobre, a recupero della serata prevista nell'ambito delle Giornate Europee del Patrimonio del 26 settembre scorso e rinviata a causa del maltempo. L'apertura, dalle ore 20 alle 23, con ultimo ingresso alle ore 22 è al costo simbolico di 1 euro.

Alle aperture serali di ottobre, si aggiungerà la Notte dei Musei il 14 novembre, negli stessi siti.

Ultima modifica il Martedì, 29 Settembre 2020 18:38


300x250 Michelangelo - artemagazine.jpg

Flash News

Mostre*

© ARTEMAGAZINE - via degli Spagnoli, 24 00186 Roma - tel 06 8360 0145 - mail redazione@artemagazine.it
Quotidiano di Arte e Cultura registrato al Tribunale di Roma n. 270/2014 - Direttore Responsabile Alessandro Ambrosin
P.IVA e C.F. 12082801007

Chi siamo Archivio