IMG_4882.JPG

Lunedì, 09 Maggio 2016 14:38

Il Foro Italico, un cantiere di arte e architettura

Scritto da 

Martedì 10 maggio ore 17.00 alla Galleria d’Arte Moderna incontro a cura di Antonella Greco in occasione della mostra in corso in Galleria d’Arte Moderna

Il cantiere del Foro Mussolini, Roma, 1930, Archivio Fotografico Luce, Istituto Luce – Cinecittà Il cantiere del Foro Mussolini, Roma, 1930, Archivio Fotografico Luce, Istituto Luce – Cinecittà

ROMA - Una cittadella marmorea inserita in un paesaggio “romano” di pini e colline. Da una parte la cupola di San Pietro e Villa Madama, dall’altra il ponte Milvio, su tutto la sella di Monte Mario non ancora costruita. È questo lo scenario in cui viene costruito il Foro Italico dalla fine degli anni Venti per tutto un decennio successivo.
Un cantiere con un progetto di vera e propria cittadella chiusa e marmorea commissionata dall’Opera Nazionale Balilla: un elenco di straordinarie architetture sportive firmate dai più importanti architetti romani (basterebbe citare, con Enrico Del Debbio, la figura di Luigi Moretti, in seguito persino autore del complesso del Watergate) e decorate dagli artisti, il più importante dei quali era Gino Severini, amico di Boccioni, e italien de Paris. Il contributo elenca le opere, penetra con foto d’epoca negli interni delle architetture. Racconta una storia ridipingendo un panorama ormai lontano da noi e oggi quasi illeggibile.

Vademecum
Galleria d’Arte Moderna di Roma -
Via Francesco Crispi, 24;
visita gratuita con pagamento del biglietto di ingresso al museo;
Prenotazione consigliata (max 25 persone);
Tel. +39 060608 (tutti i giorni ore 9.00-21.00)



IMG_4884.JPG

Flash News

Mostre*

© ARTEMAGAZINE - via dei Pastini 114, 00186 Roma - tel 06.98358445 - mail redazione@artemagazine.it
Quotidiano di Arte e Cultura registrato al Tribunale di Roma n. 270/2014 - Direttore Responsabile Alessandro Ambrosin
Società editrice ARTNEWS srl via dei Pastini 114, 00186 Roma
P.IVA e C.F. 12082801007

Chi siamo Archivio