555400000.jpg

Mercoledì, 03 Maggio 2017 10:33

Vicenza, "La strana avventura di 17 opere del Museo di Castelvecchio”

Scritto da 

Sabato 6 Maggio alle ore 17.15, conferenza del dott. Ettore Napione presso il Salone d'onore di Palazzo Chiericati 

Vicenza, Palazzo Chiericati Vicenza, Palazzo Chiericati

VICENZA - “Verona – Kiev | Kiev – Verona. La strana avventura di 17 opere del Museo di Castelvecchio” è il titolo dell'incontro che si inserisce nel calendario di eventi di approfondimento culturale promossi da Non ho l’età e volti alla promozione del territorio e dei beni storico - artistici.

Ettore Napione, curatore delle collezioni d'arte medievale e moderna del museo veronese, sottolinea: “La clamorosa rapina al Museo di Castelvecchio è un'occasione per riflettere sul ruolo dei musei nella vita della città. Quando alla cultura, alla memoria e all'arte delle collezioni pubbliche si attribuisce un prezzo niente ha più valore e, al contempo, per paradosso, tutto diventa più chiaro".

Era il 19 novembre del 2015 quando vennero rubati dalle sale del Museo di Castelvecchio 17 dipinti, tra cui le opere di Rubens, Mantegna, Tintoretto, Pisanello e Caroto.

La vicenda, fortunatamente a lieto fine, è stata un colpo al cuore non solo del mondo culturale ma della società civile che per diversi mesi ha temuto il peggio per questi capolavori, ossia che essi smettessero di far parte del patrimonio culturale.

Nel maggio del 2016 le opere vennero individuate e recuperate in Ucraina ed esposte, da giugno 2016 e fino al loro rientro in Italia, al Museo Khanenko a Kyev.

Ora che le 17 opere sono tornate nella loro sede espositiva, si può valutare la vicenda nella sua interezza, esaltare la bellezza dei capolavori e comprendere ancora più profondamente cosa si è rischiato andasse perso. Più in generale, indipendentemente dalla città, dal museo e dalle opere conservate, è chiara l’importanza di un’attenzione quotidiana alle testimonianze materiali che compongono i beni culturali.

Vademecum

6 maggio 2017
Vicenza, Palazzo Chiericati
Ingresso libero fino ad esaurimento dei posti
Info: +39 0444542663
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Ultima modifica il Mercoledì, 03 Maggio 2017 10:52

Flash News

Mostre*