BANNER_WEB_160X142.jpg

Martedì, 28 Novembre 2017 13:22

Presentazione del volume “Anne et Patrick Poirier”

Scritto da 

Mercoledì 29 novembre 2017 alle ore 18:00 presso la Mediateca dell’Institut français di Milano

MILANO - L’Institut français Milano in collaborazione con Galleria Fumagalli presenta presso la Mediateca dell’Istituto, il volume Anne et Patrick Poirier, edito da Éditions Flammarion. La presentazione della monografia sarà introdotta da una conversazione (in lingua francese e italiana) tra due degli autori dei testi presenti nel libro: Lorand Hegyi e Angela Madesani.

Il volume ha accompagnato tre recenti mostre dei due artisti francesi: una, in corso, presso la Galleria Fumagalli (Dystopia, fino al 20 dicembre 2017) e due a Parigi, alla Maison Européenne de la Photographie (Vagabondages argentiques, 50 ans de bricolage photographique, fino al 29 ottobre 2017) e alla Galerie Mitterand (De Memoria et Reminescentia, fino al 28 ottobre 2017). Il volume, curato da Laure Martin, contiene testi di Sébastien Delot, Lorand Hegyi, Laurie Hurwitz, Angela Madesani, Jean-Hubert Martin e Robert Storr.

Fulcro del volume è il rapporto tra i Poirier e la fotografia, linguaggio che la coppia francese utilizza sin dagli esordi del proprio cammino. Fotografia che riesce a rappresentare perfettamente una delle chiavi di lettura della loro ricerca, il concetto di Vanitas, di sparizione, in cui è evidente la particolare accelerazione del tempo della storia, che ha contraddistinto la seconda metà del XX secolo e che segna, a maggior ragione, il nostro tempo. La loro opera potrebbe, infatti, essere intesa come uno spaccato di archeologia del presente. La rovina nei loro lavori, non è per forza legata all’antichità, è, piuttosto, metafora delle minacce che gravano sulla contemporaneità. Fotografia è testimonianza, traccia della fragilità dell’esistenza. Affermano i Poirier, nati all’inizio degli anni Quaranta del secolo scorso: «La fotografia è per noi uno strumento indispensabile, un aiuto, un supporto, in grado di fissare la memoria delle cose. Si tratta di un procedimento mentale, mentre il calco è corporale, fisico». Nel corso del tempo il rapporto con il mezzo è mutato, dalle fotografie colorate a mano dei primi anni, si è passati alle grandi immagini a colori che propongono soprattutto elementi naturali. Per giungere alle foto più recenti, vere e proprie scritture di luce: rayogrammi, realizzati con un proiettore, un ingranditore. In esse la natura muta, si evolve, viene proiettata direttamente sulla carta fotografica con un effetto visivo decisamente straordinario.

Vademecum

Galleria Fumagalli
Via Bonaventura Cavalieri 6, 20121 Milano
Dal martedì al sabato dalle 11 alle 19
galleriafumagalli.com | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. | +39 02 36799285
Institut français Milano
Palazzo delle Stelline, Corso Magenta 63, 20123 Milano
Michele Pili | Responsable des activités culturelles
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. | +39 02 48591927

Ultima modifica il Martedì, 28 Novembre 2017 13:23

Banner  250x300.jpg

Flash News

Mostre*

© ARTEMAGAZINE - via dei Pastini 114, 00186 Roma - tel 06.98358445 - mail redazione@artemagazine.it
Quotidiano di Arte e Cultura registrato al Tribunale di Roma n. 270/2014 - Direttore Responsabile Alessandro Ambrosin
Società editrice ARTNEWS srl via dei Pastini 114, 00186 Roma
P.IVA e C.F. 12082801007

Chi siamo Archivio