Stampa questa pagina
Martedì, 29 Maggio 2018 10:35

“Voci fiorentine”, undici incontri ravvicinati con l’arte alle Galleria dell'Accademia di Firenze

Scritto da 

Un ciclo offerto dalla direttrice Cecilie Hollberg in occasione delle aperture prolungate serali del martedì, dal 5 giugno al 25 settembre 2018

FIRENZE -  Veri e propri incontri ravvicinati con l'arte, durante i quali importanti personalità “fiorentine” raccontano la propria, caratteristica, visione di un'opera e del suo autore al pubblico radunato intorno al capolavoro in oggetto. I relatori del programma sono gli storici dell'arte Tomaso Montanari, Antonio Natali, Antonio Paolucci, Carlo Sisi, l'Abate di San Miniato al Monte Bernardo Gianni, il comandante dei Carabinieri Lanfranco Disibio, Cristina Acidini presidente dell'Accademia delle Arti del Disegno, Paolo Ermini direttore del Corriere Fiorentino, Claudio Rocca direttore dell'Accademia di Belle Arti di Firenze, Timothy Verdon direttore del Museo dell'Opera del Duomo, Luigi Zampini direttore del Conservatorio "Luigi Cherubini". Tra le opere trattate il San Matteo di Michelangelo, il Cassone Adimari de Lo Scheggia, i Fiati e Flauti dalla collezione del Conservatorio Luigi Cherubini, il modello del Ratto delle Sabine del Giambologna. 

Gli incontri sono fissati dalle ore 19.30 alle 20. 

"L'iniziativa VOCI FIORENTINE - spiega Cecilie Hollberg - è stata ideata per avvicinare il Museo ai cittadini, che grazie al generoso contributo di esperti d'arte di fama nazionale, possono meglio apprezzare e comprendere alcuni capolavori custoditi nelle collezioni della Galleria dell'Accademia di Firenze". 

I relatori d'eccezione, legati in modo speciale a Firenze, con la loro narrazione attualizzano le opere del passato, relazionandole a un presente vissuto e ne sottolineano le potenzialità per il futuro. Un approccio originale, come contributo a una comprensione estesa e condivisa dell'arte. 

Ultima modifica il Martedì, 29 Maggio 2018 10:42
Redazione

Ultimi da Redazione

Articoli correlati (da tag)