Stampa questa pagina
Mercoledì, 06 Marzo 2019 11:35

Videogiochi e musei, se ne parla al Museo nazionale Romano

Scritto da 

Venerdì 8 marzo alle 11.00 nella sala delle Conferenze di Palazzo Massimo

ROMA - Una giornata di studi dedicata a comprendere "le strategie, gli approcci e le esperienze per l'utilizzo dei videogames nei musei”. Tra il “gaming” e i luoghi museali si è passati da "un rapporto di lontana contrapposizione a una collaborazione ancora non pienamente compiuta”. 

La giornata vedrà la partecipazione di numerosi direttori di importanti musei italiani e di dirigenti dei sistemi museali.

Tra gli ospiti: Antonio Lampis, direttore generale musei, e Roberto Cicutto, presidente dell'Istituto Luce Cinecittà.  Il confronto sarà moderato da Luca Melchionna, giornalista e imprenditore. 

Saranno Thalita Malagò e Adriano Bizzoco, direttore generale e public affairs manager di Aesv, a trattare il tema “Realizzare un videogioco per un museo: cosa sapere/cosa fare”, mentre nel pomeriggio, dalle 14, Alessandra Gobbi, funzionario direzione generale musei,  parlerà di  “Videogiochi nei musei e nei luoghi della cultura”. Augusto Palombini, ricercatore Cnr-Itabc, con Antonio Tarasco, dirigente direzione generale musei, affronteranno “L’archeologo e il giurista. Le provocazioni della tecnologia: quale disciplina?”. 

La conclusione è affidata a Giovanna Marinelli, direttore di RomaVideoGAmeLab, che presenterà l'edizione 2019 della rassegna laboratorio dedicata all'uso dei videogiochi per scopi educativi, di formazione e di valorizzazione del patrimonio culturale. 

La giornata di studio è  organizzata dalla Direzione generale musei del ministero per i Beni e le Attività culturali, Cnr-Dsu, Istituto Luce Cinecittà, RomeVideoGameLab in collaborazione con Aesvi.

Ultima modifica il Mercoledì, 06 Marzo 2019 11:38
Redazione

Ultimi da Redazione

Articoli correlati (da tag)