WEB-160x142.gif

Lunedì, 13 Maggio 2019 10:17

Alla Galleria dell’Accademia di Firenze una giornata di studio sull’Immacolata concezione nella pittura

Scritto da 

Lunedì 13 maggio un convegno organizzato dal  direttore del museo Cecilie Hollberg, interamente dedicato al tema nelle sue implicazioni teologiche e nelle varie e articolate interpretazioni iconografiche che nei secoli ne sono state date 

Antonio Sogliani, Disputa sull’Immacolata Concezione, 1531-33 ca., Firenze, Galleria dell’Accademia di Firenze Antonio Sogliani, Disputa sull’Immacolata Concezione, 1531-33 ca., Firenze, Galleria dell’Accademia di Firenze

FIRENZE - L'Immacolata Concezione di Maria, ovvero la dottrina  della Chiesa secondo la quale la Vergine è stata preservata immune dal peccato originale, iniziò ad apparire in opere artistiche fin dal  Medioevo, quando si accese un aspro dibattito teologico che vedeva  schierati da una parte i Francescani e l'Ordine Benedettino e,  dall'altra, i Domenicani, fedeli al pronunciamento contrario di san  Tommaso d'Aquino.     

A partire dalla seconda metà del Quattrocento, il pontificato di Sisto IV (1471-1484) diede grande impulso al culto della Vergine. Contemporaneamente, i sovrani spagnoli si impegnarono in un'intensa  campagna volta alla promulgazione del dogma per ragioni politiche  legate alla Riforma protestante. Agli inizi del Cinquecento, all'apice del contrasto dottrinale con l'Ordine Domenicano, venne elaborato in  Toscana, in ambito francescano, un tema iconografico originale, quello della Disputa dei Dottori della Chiesa sull'Immacolata Concezione, in  cui gli artisti ritraevano il loro parere contrastante. I Francescani, in particolare, utilizzavano queste immagini sacre come 'palinsesto'  per la loro predicazione.      

"Sono particolarmente contenta di invitare, nel mese  delle celebrazioni mariane, a questa importante giornata, dedicata  all'approfondimento di un tema complesso nelle sue implicazioni  teologiche e nelle varie e articolate interpretazioni iconografiche  che nei secoli ne sono state date - afferma Cecilie Hollberg - La  Galleria dell'Accademia di Firenze possiede ben due pale con  l'Immacolata Concezione, quella del Sogliani e quella del Portelli, ed è quindi il luogo ideale per ospitare una giornata di studio che ha lo scopo di indagare questo tema secondo un'ottica multidisciplinare,  comprendente gli aspetti teologici e devozionali riguardo al dogma  religioso, ma anche culturali e politici, che interagiscono con quelli storico-artistici in un affascinante gioco di intrecci".   

La giornata di studi è articolata in due sessioni. Quella mattutina prevede interventi di eminenti figure in rappresentanza della Chiesa cattolica con gli ordini francescano, domenicano, gesuita e della Chiesa  ortodossa e avrà come moderatore Angelo Tartuferi.     

La sessione pomeridiana, con inizio alle ore 14.00, sarà dedicata a  approfondimenti del tema da parte di rappresentanti del mondo  accademico e della ricerca scientifica, con la presenza di noti  studiosi e di docenti da università e accademie italiane e straniere;moderatore sarà Donatella Fratini, storica dell'arte del Dipartimento  dipinti e sculture XVI-XVIII secolo del museo.    

  

 

Ultima modifica il Lunedì, 13 Maggio 2019 10:24


WEB-250x300.gif

Flash News

Mostre*

© ARTEMAGAZINE - via dei Pastini 114, 00186 Roma - tel 06.98358445 - mail redazione@artemagazine.it
Quotidiano di Arte e Cultura registrato al Tribunale di Roma n. 270/2014 - Direttore Responsabile Alessandro Ambrosin
Società editrice ARTNEWS srl via dei Pastini 114, 00186 Roma
P.IVA e C.F. 12082801007

Chi siamo Archivio