160x142-02.jpg

Mercoledì, 19 Luglio 2017 14:15

"Oltre le mura", la Cina contemporanea è protagonista a Palazzo Medici Riccardi di Firenze

Scritto da 

Una selezione di opere di 23 artisti cinesi, provenienti da Xi’an, offre un interessante spaccato della produzione artistica contemporanea, nella quale si delinea, attraverso un linguaggio maturo, una particolare attenzione per le realtà locali e una profonda osservazione delle vicende artistiche occidentali

FIRENZE - Palazzo Medici Riccardi di Firenze ha inaugurato il 19 luglio, la mostra Oltre le mura, prodotta dall’Associazione MetaMorfosi e dallo Xi’An Art Museum in collaborazione con Eawe Project e N!Studio Asia. La collettiva, a cura di Gaetano Di Gesu e di Susanna Ferrini, attraverso i lavori di 23 artisti, selezionati da Yang Chao, direttore del museo di arte contemporanea della città di Xi’An, offre un intenso ed affascinante spaccato della produzione artistica contemporanea cinese. 

Nove tematiche, o “figure”, come spiegano i curatori dell’esposizione, propongono un ritratto di rara lucidità della Cina contemporanea, delineando una profonda riflessione che coinvolge la storia della città e la storia recente della Cina.

Si parte dal CIBO, elemento di fondamentale importanza in Cina, sia per il ricordo angoscioso della grande carestia degli anni ’60, sia per il senso attuale del raggiunto benessere. Il cibo è protagonista nell’opera di Guo Tao, Egg del 2015, con un’immagine che rimanda direttamente ai mercatini di quartiere e all’allestimento del reparto delle uova. Ma in particolare è con il lavoro di Song Qun che assume un aspetto simbolico molto potente. La metafora del cibo, come simbolo di aggregazione, viene evocata attraverso l’allestimento, nella Limonaia di Palazzo Medici Riccardi, dove vennero celebrate le nozze il Lorenzo De Medici, di un tavolo di 10 metri, ricavato da antiche porte di abitazioni contadine,  sul quale sono disposte 300 ciotole diverse raccolte nelle campagne dello Shaanxi. 

IL DENARO  è la seconda figura presa in considerazione. E’ infatti la forma stessa della forza e della competizione, metafora universale dell’incessante trasformazione economica. In questo caso è l’occhio implacabile di Gu Changwei che attraverso la micro fotografia restituisce inedite qualità grafiche della banconota simbolo della Cina, dove campeggia l’immagine di Mao. Nell’opera di  Zhou Zhonming invece, perfetti uomini di affari cinesi sono ritratti ad inchiostro su registri contabili, fatture, ricevute fiscali, codici a barre.

MAOè un’altra figura dominante,  è il simbolo della Cina moderna e pervade in maniera palese e subliminale ogni aspetto della vita pubblica. Il Maoismo è presente come reperto nelle opere di Dong Wentong dove gli aforismi del grande padre e il mito dell’insegnamento definiscono i temi della sua opera.

LA LUNGA MARCIA, metafora più completa della Cina odierna, nella mostra è incarnata nell’opera di Guo Yan , “il tempo passa in silenzio” e diventa l’occasione per una descrizione implacabile della Cina contemporanea e delle sue contraddizioni. 

LA CALLIGRAFIA, che per i cinesi è anche forma suprema di arte, viene evocata nelle opere di Guo Zhigang in cui l’impostazione tradizionale è molto evidente, ma la ricchezza e la precisione del segno espressi nella grande dimensione producono un risultato di rara eleganza contemporanea. Il tempo della scrittura e della calligrafia è presente nel “libro della confusione” di Wang Mengmeng, nel segno di Wang Chao e in tutta la ricerca artistica di Wang Fenghua.

Altro aspetto fondamentale è LA PIANIFICAZIONE SOCIALEda parte del governo, che ha lasciato in Cina tracce indelebili sulla sensibilità delle persone.  Le foto di Su Sheng, “infanzia alla cinese”, organizzate come un set cinematografico sono la rappresentazione perfetta del benessere acquisito della classe media e della solitudine dell’infanzia.

Sul tema della CRESCITA DELLE CITTA’  lavora invece l’installazione di Liu Kecheng, “illusory city”, posta al centro del cortile di Michelozzo. L’installazione si intreccia con la memoria storica rappresentata dalle fotografie di Zhang Mifang e vive sotto l’ombra dello stormo nero di Guo Yan e sotto lo sguardo dell’Orfeo di Baccio Bandinelli.

In seguito alla grande crescita economica degli ultimi 25 anni il popolo compatto del Maoismo si è trasformato in una MOLTITUDINE. Ecco l’altra tematica che pervade la mostra. E’ presente nel fiume umano di Guo Yan, nella versione realista dei Fotografi dello Shaanxi e poi ancora in versione sarcastica nelle opere di He Dan.

Infine, ultimo tema affrontato è IL CONSUMO.  Il rapido e potente progresso economico cinese ha portato, infatti, una civiltà contadina a confrontarsi con il consumo, non necessario di merci. Sopravvive tuttavia, ancora oggi, una traccia contadina che si oppone allo spreco anche attraverso il riciclo. L’artista Xing Danwen in particolare si sofferma su queste attività con una notevole sensibilità estetica attraverso una serie di 15 fotografie che raccontano lo smontaggio e la selezione di materiale elettronico non più in uso. 

Anche la  scultura di Fu Qiang, che assembla materiali di meccanica pesante realizzando figure immaginarie di uomini e di animali, fa riferimento allo stesso spirito di riuso. 

L’esposizione, che ha lo scopo di rinsaldare le relazioni fra la città di Firenze e la città di Xi'an e far conoscere al pubblico fiorentino e ai flussi turistici di Palazzo Medici Riccardi l'arte contemporanea cinese, rimarrà aperta fino al 17 settembre 2017. 

Allestimento 

Inaugurazione 

 

Ultima modifica il Giovedì, 20 Luglio 2017 09:05

Flash News

Mostre*

© ARTEMAGAZINE - via dei Pastini 114, 00186 Roma - tel 06.98358445 - mail redazione@artemagazine.it
Quotidiano di Arte e Cultura registrato al Tribunale di Roma n. 270/2014 - Direttore Responsabile Alessandro Ambrosin
Società editrice ARTNEWS srl via dei Pastini 114, 00186 Roma
P.IVA e C.F. 12082801007

Chi siamo Archivio