Stampa questa pagina
Lunedì, 30 Settembre 2019 18:27

Archeologia. Roma, due scheletri davanti alla metro di Piramide

Scritto da 

Sono di una donna e un bambino e sono stati rinvenuti proprio dove lo scorso 20 settembre era già stato trovato un altro scheletro, sempre nel corso di lavori Acea

ROMA - Sono state riportate alla luce, all’uscita della metro Piramide a Roma, due sepolture di età tardo antica, durante lo scavo Acea di Piazzale Ostiense, realizzato per il rinnovamento dell’illuminazione. Le sepolture contengono i resti di una donna e di un bambino deposto all'altezza dell'anca di quella che presumibilmente sarebbe la mamma. Presenti numerosi chiodi, il che farebbe ipotizzare che l'inumazione sia avvenuta in una cassa, il cui legno è però deperito nel corso dei secoli.

Le due sepolture sono state rinvenute nello stesso punto dove ne è stata trovata un’altra lo scorso 20 settembre. Le tre sepolture sono tutte prive di corredo funerario e fanno parte della necropoli Ostiense, sorta nel I secolo a.C.

La Soprintendenza in una nota spiega che si tratta “di tombe molto povere di età tardo antica (IV-VI secolo d. C.), già ampiamente compromesse da precedenti lavori per i sotto servizi (acqua, elettricità)”.

Nei prossimi mesi la Soprintendenza promuoverà indagini e approfondimenti scientifici e antropologici sugli scheletri per ottenere ulteriori informazioni sui defunti sepolti.

Ultima modifica il Lunedì, 30 Settembre 2019 18:33
Redazione

Ultimi da Redazione

Articoli correlati (da tag)