WEB-160x142.gif

Mercoledì, 16 Ottobre 2019 15:24

Slitta a marzo 2020 la mostra dedicata a Orazio Gentileschi alla Pinacoteca Ala Ponzone di Cremona

Scritto da 

Ad annunciare la posticipazione dell'esposizione “Orazio Gentileschi. La fuga in Egitto e altre storie” è stato  l’Assessore ai Sistemi Culturali del Comune di Cremona, Luca Burgazzi

Orazio Gentileschi, “Riposo durante la fuga in Egitto”,  ex J.P Getty Museum Orazio Gentileschi, “Riposo durante la fuga in Egitto”, ex J.P Getty Museum

CREMONA - Una nota spiega che solo "in questi giorni si sta sbloccando, dopo una fase di stallo, il via libero del Ministero per i Beni Culturali all’arrivo da Vienna del 'pezzo forte' della mostra", ovvero il “Riposo durante la fuga in Egitto”, di Orazio Gentileschi, capolavoro tra i più ammirati del Kunsthistorisches Museum. Per la magnifica tela, sarà il primo rientro in Italia.

Il prestito viennese è previsto nell’ambito di uno scambio con l’Ala Ponzone, sul quale solo adesso si profila il l’atteso “via libero” ministeriale. “Via libera”  - spiega la nota - che consentirà ad entrambe le Istituzioni di riavviare l’iter burocratico che sottende allo scambio temporaneo delle opere, procedura che richiede tempi non immediati. Di qui la necessità di spostare la mostra al prossimo marzo".

Intorno al “Riposo durante la fuga in Egitto”, nella versione del Kunsthistorisches, il direttore Mario Marubbi aveva ideato la grande mostra già annunciata alla Ala Ponzone per il 20 novembre e adesso rinviata a marzo. Accanto al capolavoro viennese di Gentileschi, la mostra proporrà una ulteriore versione del “Riposo durante la fuga in Egitto” di mano del medesimo Maestro, questa seconda concessa da una collezione privata. 

Insieme alle due straordinarie tele, che per la prima volta sarà possibile ammirare l’una accanto all’altra, la mostra proporrà una selezione di altri dipinti, sculture, avori, incisioni sulla popolare “Fuga”. 

Come la mostra evidenzierà - si legge nella nota - "il racconto della fuga in Egitto è tra quelli più amati dagli artisti e dai loro committenti. Un interesse che portò al fiorire di una cospicua letteratura e stimolò una serie straordinaria di invenzioni pittoriche, attingendo non solo al breve passo tramandato dall’Evangelista Matteo ma anche, e di più, dai Vangeli apocrifi".

Ultima modifica il Mercoledì, 16 Ottobre 2019 15:33


WEB-250x300.gif

Flash News

Mostre*

© ARTEMAGAZINE - via dei Pastini 114, 00186 Roma - tel 06.98358445 - mail redazione@artemagazine.it
Quotidiano di Arte e Cultura registrato al Tribunale di Roma n. 270/2014 - Direttore Responsabile Alessandro Ambrosin
Società editrice ARTNEWS srl via dei Pastini 114, 00186 Roma
P.IVA e C.F. 12082801007

Chi siamo Archivio