WEB-160x142.gif

Venerdì, 18 Ottobre 2019 12:03

Nuovo allestimento per il Museo dell’Opera del Duomo di Pisa

Scritto da 

Firmato dagli studi Natalini, Guicciardini&Magni, è stato pensato per valorizzare ulteriormente  i capolavori della scultura medievale pisana, mettendo in campo le migliori e più innovative soluzioni espositive

Sala 8 Andrea Pisano e Nino Pisano Sala 8 Andrea Pisano e Nino Pisano

PISA - Riapre al pubblico, completamente ristrutturato e riallestito, il Museo dell'Opera del Duomo di Pisa. Nei suoi 3000 mq interni, disposti su due piani e su una porzione del porticato esterno, il museo custodisce ben380 opere,  suddivise in 26 sezioni. Tra queste, i capolavori della scultura medievale di Giovanni Pisano, Nicola Pisano, Tino di Camaino, Lupo di Francesco, Andrea Pisano, Nino Pisano e Andrea Guardi, seguace di Donatello.

L'Opera della Primaziale Pisana ha affidato il nuovo percorso museale a studiosi e restauratori guidati dal professor Marco Collareta, che hanno ripensato i criteri espositivi, in modo da restituire al pubblico un “racconto” che si presti a una più facile e appassionante lettura e in linea con i più moderni standard di fruizione museale. 

Le opere sono  state così "contestualizzate"  mediante allestimenti che evocano il luogo, la collocazione e le atmosfere originarie. Si tratta di una operazione complessa volta  a cogliere l'essenza e i significati reconditi per veicolarli. Il percorso si arricchisce anche di nuove opere restaurate. Tra queste, il Trittico della Madonna in trono e santi, tempera e oro su tavola realizzata da Spinello Aretino o la corona, lo scettro, il globo e un raffinatissimo drappo dell'Imperatore Enrico VII recuperati in occasione della ricognizione della sua tomba effettuata nel 2014. 

Il percorso è stato inoltre reso più fluido anche grazie alla realizzazione di un nuovo scalone che collega il piano terra al piano primo. Anche lo spazio antistante l'ingresso principale è stato ridisegnato seguendo il tracciato viario esistente ed è stato dotato di una rampa in modo da renderlo completamente accessibile.

Chiude il museo lo splendido chiostro che si affaccia sul Campanile e che conserva al piano terra le statue raffiguranti la Madonna con Bambino, gli Evangelisti e i Profeti scolpiti da Giovanni Pisano per il Battistero, inseriti in un nuovo allestimento il cui obbiettivo è quello di ''riprendere'' la suggestione offerta dalle trifore del monumento dove sono ora conservate le copie.

La ristrutturazione ha ovviamente previsto anche un adeguamento della conservazione delle opere alle nuove tecnologie. Per tale motivo l’Opera della Primaziale Pisana, dopo aver utilizzato per oltre 30 anni le vetrine Goppion, ha nuovamente affidato all’azienda milanese la custodia delle sue opere straordinarie. Le nuove vetrine, totalmente personalizzate in relazione agli oggetti e alle sale, sono dotate di sistemi di controllo dell’umidità e della qualità dell’aria adeguati alle richieste dei conservatori e alla delicatezza delle opere esposte, oltre che di sistemi di allarme sofisticati. Grazie a congegni meccanici di precisione, invisibili al pubblico, un solo operatore può aprire ante di oltre 4 metri. La totale trasparenza degli speciali vetri di sicurezza consente poi di apprezzare tutte le cromie e le raffinate tecniche di lavorazione delle opere.

“Sono passati più di trent’anni dall’inaugurazione del Museo  per cui abbiamo realizzato il primo allestimento. -  Afferma il Cavalier Alessandro Goppion, CEO dell’azienda - Le vetrine che abbiamo progettato per questa inaugurazione sono frutto delle ultime tecnologie sviluppate nel corso degli anni dal nostro Laboratorio Museotecnico e dei nostri studi in ambito ricerca e sviluppo. Sono stati due anni intensi in cui ci siamo prodigati a soddisfare le esigenze conservative di un’Istituzione storica come questa. Inutile dire che abbiamo dovuto affrontare anche necessità logistiche fuori dal comune per cui abbiamo pianificato delle modalità d’intervento specifiche sulla base dell’edificio, della sua struttura e delle sue condizioni attuali. Il trasporto eccezionale avvenuto pochi mesi fa è stato un successo di cui andiamo tutti fieri.”  

Ultima modifica il Venerdì, 18 Ottobre 2019 12:26


WEB-250x300.gif

Flash News

Mostre*

© ARTEMAGAZINE - via dei Pastini 114, 00186 Roma - tel 06.98358445 - mail redazione@artemagazine.it
Quotidiano di Arte e Cultura registrato al Tribunale di Roma n. 270/2014 - Direttore Responsabile Alessandro Ambrosin
Società editrice ARTNEWS srl via dei Pastini 114, 00186 Roma
P.IVA e C.F. 12082801007

Chi siamo Archivio