WEB-160x142.gif

Lunedì, 28 Ottobre 2019 12:13

Scoperti a Gerusalemme i resti di una chiesa bizantina del VI secolo d.C. dedicata al “Martire glorioso”

Scritto da 

L’edificio, costruito ai tempi dell’Imperatore Giustiniano, è stato rinvenuto dagli archeologi israeliani durante scavi esplorativi condotti per tre anni dalla Authority Israeliana per le Antichità, in vista della costruzione di un nuovo quartiere nella città di Beit Shemesh

Foto dal sito israele.net Foto dal sito israele.net

GERUSALEMME - Sono tornati alla luce presso la città di Beit Shemesh, a circa  30 chilometri ad ovest di Gerusalemme, i resti di una basilica bizantina, decorata con splendidi mosaici  raffiguranti piante, uccelli e disegni geometrici, e affreschi colorati lungo le pareti.  

L’edificio, risalente al VI secolo d.C, si caratterizza anche per la presenza di finestre di vetro e per un’iscrizione che dedica la chiesa a un "glorioso martire" senza nome.

La pianta è costruita secondo quella tipica delle  basiliche bizantine, ovvero con una navata centrale fiancheggiata da due navate laterali. 

La prima fase della chiesa fu realizzata durante il regno dell'imperatore Giustiniano  (527-565 d.C.), mentre durante il regno di Tiberio II Costantino (che governò dal 574 al 582) fu ingrandita e le fu aggiunta una cappella.  Il coinvolgimento di Tiberio II Costantino nel progetto è attestato da un’altra iscrizione greca trovata in una grande cappella annessa, datata 583 e.v., un anno dopo la sua morte. 

Il direttore degli scavi per conto dell’Authority  Israeliana per le Antichità, Benjamin Storchan, spiega:  “Sia la basilica che il cortile sono enormi, per gli standard dell’epoca. Certamente più grandi della maggior parte delle chiese bizantine trovate finora in Terra d’Israele”. Storchan aggiunge che “due scale separate conducevano alla cripta, consentendo a folti gruppi di pellegrini di visitarla contemporaneamente”. È nel cortile antistante che i ricercatori hanno scoperto un’iscrizione greca praticamente intatta che dedica il sito sacro alla memoria di un endoxo martis, un “glorioso martire”. “L’identità del martire - conclude Storchan - non è nota, ma l’eccezionale sfarzo della struttura e delle sue iscrizioni indica che si trattava di una figura molto importante”. 

Tra gli oggetti rinvenuti dagli archeologi, oltre a manufatti in vetro, anche un fonte battesimale cruciforme quadrilobato realizzato in pietra calcite estratta da una grotta di stalattiti.

Ultima modifica il Lunedì, 28 Ottobre 2019 12:17


WEB-250x300.gif

Flash News

Mostre*

© ARTEMAGAZINE - via degli Spagnoli, 24 00186 Roma - tel 06 8360 0145 - mail redazione@artemagazine.it
Quotidiano di Arte e Cultura registrato al Tribunale di Roma n. 270/2014 - Direttore Responsabile Alessandro Ambrosin
Società editrice ARTNEWS srl via dei Pastini 114, 00186 Roma
P.IVA e C.F. 12082801007

Chi siamo Archivio