160x142-banksy-palermo.gif

Mercoledì, 06 Maggio 2020 17:36

La Loggia di Villa Farnesina diventa digitale e ci fa immergere nei capolavori della “bottega di Raffaello”

Scritto da 

Un sistema interattivo, su progetto scientifico del Socio linceo Antonio Sgamellotti e del Conservatore della Villa Farnesina Virginia Lapenta sviluppato in collaborazione con Eliana Siotto e Gianpaolo Palma del Visual Computing Lab Isti-Cnr,  permette di osservare da vicino le opere di Raffaello, Giulio Romano, Giovan Francesco Penni e Giovanni da Udine

ROMA - La bellezza e la magnificenza di Villa Farnesina, così come le opere di Raffaello e della sua bottega, si possono ammirare online, a partire dal 6 maggio. 

E’ stato infatti sviluppato un sistema interattivo che permette di osservare a una distanza ravvicinata sia le storie di Amore e Psiche, opera di Raffaello, Giulio Romano e Giovan Francesco Penni, sia il particolarissimo pergolato e le specie animali realizzati da Giovanni da Udine su disegno di Raffaello a Villa Farnesina, la residenza di Agostino Chigi, il famoso e ricchissimo banchiere morto cinque giorni dopo Raffaello e suo munifico committente.

Si potranno esaminare gli elementi figurati del ciclo pittorico arricchiti da informazioni di carattere storico e tecnico-artistico; dall'altra, di distinguere con maggiore facilità le 170 specie presenti nei festoni vegetali e le 50 figure di animali rappresentate nelle vele della volta. E poi ancora godere di tutti quei dettagli pittorici difficilmente osservabili dalla normale distanza di osservazione della volta (8 metri), nonché avere le informazioni botaniche, zoologiche, iconografiche e quelle dei risultati ottenuti da analisi scientifiche non invasive. 

Tutto questo in attesa della mostra “Raffaello in Villa Farnesina: Galatea e Psiche”, a cura del gruppo di ricerca coordinato dal Socio linceo Antonio Sgamellotti, che l'Accademia Nazionale dei Lincei ha ideato nell'ambito delle celebrazioni per il quinto centenario della morte di Raffaello e nella quale saranno resi visibili i disegni sull'intonaco scoperti nel corso degli anni '70, al di sotto del Polifemo di Sebastiano del Piombo e del Trionfo di Galatea di Raffaello, sinora mai esposti al pubblico. La mostra sarà aperta dal  6 ottobre 2020 fino al 6 gennaio 2021.

Ultima modifica il Mercoledì, 06 Maggio 2020 19:18


300x250 Michelangelo - artemagazine.jpg

Flash News

Mostre*

© ARTEMAGAZINE - via degli Spagnoli, 24 00186 Roma - tel 06 8360 0145 - mail redazione@artemagazine.it
Quotidiano di Arte e Cultura registrato al Tribunale di Roma n. 270/2014 - Direttore Responsabile Alessandro Ambrosin
P.IVA e C.F. 12082801007

Chi siamo Archivio