BANKSY-banner-metamorfosi-160x142.jpg

Martedì, 28 Luglio 2020 12:48

Un crowdfunding per salvare Villa Verdi, la Casa-Museo del grande musicista

Scritto da 

La dimora, sita a Sant'Agata, una frazione di Villanova sull'Arda (Piacenza), ha bisogno di urgenti restauri. L’ assenza imprevista di visitatori, anche a causa della recente epidemia di Covid-19, che si è aggiunta alla mancanza di contributi statali, rischia di portare alla sua chiusura definitiva

La facciata di Villa Verdi La facciata di Villa Verdi

PIACENZA - Ha preso il via un crowdfunding per salvare Villa Verdi, la Casa-Museo di Giuseppe Verdi, che si trova a Sant'Agata, una frazione di Villanova sull'Arda (PC). La dimora venne acquistata dal grande compositore italiano nel 1848. Fu lo stesso Verdi a realizzare gli schizzi del progetto di ampliamento dell’edificio, fino a renderlo esattamente come volle.  Qui Verdi visse e compose la sua musica a partire dal 1851. Oggi la Villa ospita i suoi eredi universali che, nell'assoluto rispetto delle volontà del Maestro, la custodiscono immutata. 

Una parte è adibita a museo ed è quindi possibile visitare le stanze private del compositore, che ospitano tra i diversi cimeli, mobili intarsiati, un fortepiano  viennese di marca Fritz con il quale sono state composte tante opere tra le quali Il Trovatore e la Traviata, un pianoforte Erard usato dal 1871 in poi, il busto in terracotta di Vincenzo Gemito, il cilindro e la sciarpa ritratti nel celebre quadro di Boldini. 

Ad oggi sono stati i soli eredi del musicista a prendersi cura del mantenimento della Villa, ma sono ora necessari una serie di interventi di restauro piuttosto onerosi. La mancanza di contributi statali, l’assenza di visitatori a causa della recente pandemia di Covid-19, hanno aggravato la situazione economica, per cui la Casa-Museo rischia oggi la chiusura.

Da qui l’iniziativa di avviare una raccolta fondi innanzi tutto per affrontare le spese fisse e pagare subito lo stipendio ai cinque dipendenti del Museo. Per quanto concerne gli interventi di restauro, i più urgenti riguardano sicuramente il soffitto. Le infiltrazioni di acqua causate da un terrazzo sovrastante stanno infatti rovinando con l'umidità il Salotto Rosso, dove il Maestro riceveva pochi e selezionati ospiti come i librettisti Francesco Maria Piave o Arrigo Boito, pittori del calibro dei fratelli Palizzi o Boldini, l'editore Ricordi o gli aristocratici Andrea e sua moglie Claretta Maffei.

Anche il tetto delle carrozze rischia il crollo e rappresenta uno dei lavori più importanti da realizzare, per un costo di 55 mila euro. L’esterno della dimora necessita invece di tinteggiatura e il costo si aggira sui 20 mila euro. 

La raccolta fondi procederà per step, dando ovviamente la precedenza agli interventi più urgenti. I traguardi si potranno seguire sul canale ufficiale e sui social.

Per le donazioni CLICCA QUI

Ultima modifica il Martedì, 28 Luglio 2020 12:57


BANKSY-banner-metamorfosi-300x250.jpg

Flash News

Mostre*

© ARTEMAGAZINE - via degli Spagnoli, 24 00186 Roma - tel 06 8360 0145 - mail redazione@artemagazine.it
Quotidiano di Arte e Cultura registrato al Tribunale di Roma n. 270/2014 - Direttore Responsabile Alessandro Ambrosin
P.IVA e C.F. 12082801007

Chi siamo Archivio