BANKSY-banner-metamorfosi-160x142.jpg

Giovedì, 12 Maggio 2016 11:33

Bertolami Fine Arts. Prima asta romana di archeologia

Scritto da 

L’esposizione dei 56 lotti all'incanto si terrà dal 15 al 19 maggio nella sede di Palazzo Caetani Lovatelli

Testa di giovinetto con berretto frigio I - II secolo d.C. Testa di giovinetto con berretto frigio I - II secolo d.C.

ROMA - Il prossimo 20 maggio sarà battuta a Roma presso Bertolami Fine Arts un’asta di reperti archeologici di alto pregio. In realtà l’Italia non è un paese per aste di archeologia. I motivi sono noti e attengono al sistema normativo vigente nel nostro paese in materia di tutela del patrimonio culturale. Le prime leggi sul tema sono state emanate proprio qui da noi. Nella Roma del Papa Re, già a partire dai primi decenni del ‘400, si avverte l’esigenza di provvedimenti finalizzati a impedire la demolizione e spoliazione delle rovine di età romana. Si procede poi alla regolamentazione degli scavi archeologici, arrivando a creare una carica dello Stato preposta a vigilare sul patrimonio artistico. L’idea, come è noto, è da ascriversi a Papa Leone X, che, nel 1515, nomina Raffaello Ispettore Generale delle Belle Arti . E non solo lo Stato Pontificio si è dotato prima di ogni altro di un ministro dei beni culturali, ma, intorno alla metà del ‘600, per primo ha introdotto il divieto di esportazione all’estero delle opere d’arte di maggior valore. 

Come si spiega, allora, l’asta di reperti archeologici di alto pregio che Bertolami Fine Arts si appresta a battere nella sua sede romana di Palazzo Caetani Lovatelli? 

Giuseppe Bertolami, general manager e fondatore della casa d’aste spiega: ”Il progetto di vendita all’incanto che, con Andrea Pancotti - capo del nostro Dipartimento di Archeologia – abbiamo a lungo accarezzato e infine realizzato non contempla alcuna possibilità di speculazione, né da parte nostra, né da parte dei compratori. Ciò dipende dal riconosciuto interesse di carattere archeologico, storico e, in alcuni casi, artistico dei pezzi in vendita, pezzi che, per questa ragione, non possono uscire dal territorio della Repubblica. Il nostro compratore ideale non è un mercante, non compra per rivendere, magari all’estero. Abbiamo lavorato per intercettare collezionisti italiani, appassionati autentici pronti ad innamorarsi dell’idea di entrare in possesso di un oggetto di speciale importanza  il cui prezzo risulta calmierato proprio dal riconoscimento da parte dello Stato italiano di quell’importanza così manifesta.” 

In sintesi, l’operazione trova il suo principale fondamento nella scommessa che l’imposizione di un vincolo statale non sempre chiuda la partita commerciale e rimetta in gara quei collezionisti italiani, acquirenti per passione e non con intenti speculativi, che solitamente sono esclusi dal vertiginoso giro d’affari del grande commercio internazionale di archeologia. Il tutto, ovviamente, in un quadro di perfetta legalità.

 


BANKSY-banner-metamorfosi-300x250.jpg

Flash News

Mostre*

© ARTEMAGAZINE - via degli Spagnoli, 24 00186 Roma - tel 06 8360 0145 - mail redazione@artemagazine.it
Quotidiano di Arte e Cultura registrato al Tribunale di Roma n. 270/2014 - Direttore Responsabile Alessandro Ambrosin
P.IVA e C.F. 12082801007

Chi siamo Archivio