160x142 2.jpg

Giovedì, 09 Giugno 2016 11:19

Alla Triennale di Verona "Beaten Barbie" contro la violenza sulle donne

Scritto da 

Un'opera dell'artista Lady Be per far riflettere su un tema tragicamente attuale, una Barbie insolita con il volto tumefatto per denunciare un dramma

VERONA - Basta con la violenza sulle donne. Questa volta è anche l’arte a dirlo attraverso l’opera dell’artista, Lady Be, dal titolo Beaten Barbie - Mai più violenza sulle donne, in esposizione dal 9 al 12 giugno alla Triennale dell’Arte Contemporanea di Verona. 

Non è un caso che si sia scelta una bambola iconica come Barbie per lanciare un messaggio chiaro su un tema con il quale purtroppo, quasi quotidianamente, siamo costretti a confrontarci. Basti solo pensare che dall’inizio del 2016 sono stati compiuti 55 femminicidi. Secondo i dati dell’Istat (aggiornati al giugno scorso e relativi al 2014), sono 6 milioni e 788mila le donne che hanno subito nel corso della propria vita una qualche forma di violenza fisica o sessuale, il 31,5% delle donne tra i 16 e i 70 anni. Praticamente una donna su tre.

L’artista denuncia questo dramma presentando una Barbie, realizzata con pezzi di altre bambole, col volto tumefatto con ematomi e con il labbro gonfio e sanguinante. La donna non è una bambola da possedere, non è un giocattolo, vuole dire l’artista e lo fa proprio attraverso una “bambola simbolo” come Barbie, stravolgendone l’immaginario comune che la vede da sempre col volto felice e sorridente, dalla bellezza perfetta nella sua artificialità. Stavolta è una Barbie differente, è una bambola che denuncia un orrore e che da icona di bellezza si trasforma in un tragico simbolo di quella violenza fisica e psicologica che ancora oggi le donne continuano a subire. 


300x250 2.jpg

Flash News

Mostre*

© ARTEMAGAZINE - via dei Pastini 114, 00186 Roma - tel 06.98358445 - mail redazione@artemagazine.it
Quotidiano di Arte e Cultura registrato al Tribunale di Roma n. 270/2014 - Direttore Responsabile Alessandro Ambrosin
Società editrice ARTNEWS srl via dei Pastini 114, 00186 Roma
P.IVA e C.F. 12082801007

Chi siamo Archivio