160x142-banksy-palermo.gif

Mercoledì, 29 Giugno 2016 15:31

Apre al Museo Archeologico di Napoli la nuova sala dei culti orientali

Scritto da 

La sala ospita una mostra il cui titolo è “Egitto Napoli. Dall’Oriente” curata da Valeria Sampaolo, con oggetti che testimoniano la continua influenza delle religioni orientali sul mondo romano

NAPOLI - Apre il 29 giugno al Museo Archeologico Nazionale di Napoli un nuovo percorso espositivo dedicato alla diffusione dei culti orientali nel mondo romano dal titolo “Egitto-Napoli. Dall’Oriente”. L’apertura della nuova sala costituisce la terza tappa del percorso del progetto Egitto-Pompei.  Questa tappa avvicina il museo partenopeo alla riapertura del 7 ottobre della sezione egizia, ormai chiusa da circa 8 anni.   

Lo spazio espositivo ospita una serie di testimonianze del culto di Iside in Campania così come di altri culti orientali con cui il mondo romano “globalizzato” venne a contatto da qualche secolo prima di Cristo, fino alla caduta quasi dell'impero romano. In esposizione oggetti di uso quotidiano con raffigurazioni di divinità quali  Mitra, Attis, Cibele, Sabazio, tre incredibili coppe in ossidiana del I sec. a.C di produzione allesandrina scoperte nella Villa San Marco di Stabiae,  affreschi con scene di cerimonie isiache provenienti dalla Palestra Grande di Ercolano e dalla nicchia isiaca dei giardini di Giulia Felice a Pompei.  Tutto ciò a testimonianza della continua contaminazione tra le diverse religioni. Spiega infatti la curatrice, Valeria Sampaolo, come nella sala al secondo piano del museo, l’allestimento proponga un viaggio nel ”calderone di culture e religioni che Roma tollera fino a che queste non collidono con l'esercizio della sua supremazia. Equilibrio difficile da raggiungere, ad esempio, nella provincia sirio-giudea. Tra gli esempi più forti delle influenze delle religioni orientali sul mondo romano c'è il culto di Cibele, la "Magna Madre" dell'Anatolia che sarà introdotto a Roma insieme a quello di Attis, suo compagno. E in mostra c'è anche "Una raffigurazione di Abazio, figlio di Attis e Cibele, seduto in una mano magica”. 

Ultima modifica il Mercoledì, 29 Giugno 2016 15:42


300x250 Michelangelo - artemagazine.jpg

Flash News

Mostre*

© ARTEMAGAZINE - via degli Spagnoli, 24 00186 Roma - tel 06 8360 0145 - mail redazione@artemagazine.it
Quotidiano di Arte e Cultura registrato al Tribunale di Roma n. 270/2014 - Direttore Responsabile Alessandro Ambrosin
P.IVA e C.F. 12082801007

Chi siamo Archivio