WEB-160x142.gif

Giovedì, 27 Ottobre 2016 11:25

Sisma Italia Centrale. Le opere messe in salvo saranno restaurate dall'ISCR

Scritto da 

Per le  1233 opere, attualmente conservate nel deposito di Cittaducale, verrà allestito un laboratorio diretto dall'Istituto Superiore per la Conservazione e il Restauro (Iscr) e dall'Opificio delle Pietre Dure

ROMA - Buona parte delle opere recuperate dopo il sisma del 24 agosto sono state collocate nell’ex garage del Corpo forestale in un deposito a Cittaducale, a poco meno di 40 chilometri da Amatrice. Ad oggi qui sono ricoverate 1233 opere. Ha spiegato Cristina Collettini della Soprintendenza di Roma, durante la visita del ministro Dario Franceschini:  "Dovevamo individuarlo in tempi rapidi lontano dal cratere, ma allo stesso tempo facilmente raggiungibile dai luoghi del sisma. Prima di fare arrivare le opere, i tecnici hanno messo in sicurezza i quasi 800 metri quadrati. Abbiamo fatto tutti gli interventi di adeguamento, come la tenuta all'acqua, le sigillature e la videosorveglianza che conta 16 telecamere tra l'interno e l'esterno.  Qui - dice ancora Collettini - c’è un controllo h24 garantito anche da un presidio del Corpo forestale. Ma l'accortezza maggiore è stata riservata alle strutture che contengono le opere: "Sono tubi modulari e scaffalature montati con un sistema di collegamento in grado di resistere alle scosse sismiche".

Per le 1233 opere, attualmente conservate nel deposito e per le altre che arriveranno in seguito, verrà allestito un laboratorio sul posto, diretto dall'Istituto Superiore per la Conservazione e il Restauro (Iscr) e dall'Opificio delle Pietre Dure.

Gisella Capponi, direttore Iscr ha dichiarato, sempre durante la visita del ministro Franceschini: “Abbiamo identificato tutte le opere per evitare dispersioni. I Vigili del fuoco e i carabinieri Tutela Patrimonio Culturale le hanno recuperate dai luoghi colpiti dal sisma, mentre noi ci siamo occupati di coprirle e trasportarle in sicurezza, usando tutto quello che potevamo, dai contenitori in legno agli imballi, per essere certi che non subissero ulteriori danni". "Adesso - ha aggiunto Capponi - una per una le opere devono essere aperte dagli imballaggi per verificare lo stato di conservazione e stabilire gli interventi necessari per non fare progredire i danni. Le tele piegate dovranno essere rimesse in piano e avvolte in rulli di polistirolo, altre dovranno essere liberate dagli strati di polvere provocata dalle macerie e dai detriti, gli affreschi andranno ricomposti. Qui verrà allestito un vero laboratorio, ci alterneremo con l'Opificio e, come è successo a Sassuolo, porteremo anche gli allievi della nostra scuola. Si tratta di un'operazione molto ben strutturata - ha spiegato ancora Capponi- la novità sta nel fatto che potremo chiedere fondi attraverso l'Art bonus per fare gli interventi, in modo tale da poter coinvolgere nel restauro anche soggetti esterni, come ex allievi diplomati e studi privati. Tra le opere ferite, anche un paliotto in cuoio  databile intorno al XV secolo. È sicuramente di fattura semplice - dice Capponi- ma è prezioso perché ne sono rimasti pochi". Sempre tra le opere “ferite” e quindi sulle quali intervenire c’è anche la tela dell'Annunciazione trafitta da una trave durante il sisma.

Ultima modifica il Giovedì, 27 Ottobre 2016 12:15


WEB-250x300.gif

Flash News

Mostre*

© ARTEMAGAZINE - via dei Pastini 114, 00186 Roma - tel 06.98358445 - mail redazione@artemagazine.it
Quotidiano di Arte e Cultura registrato al Tribunale di Roma n. 270/2014 - Direttore Responsabile Alessandro Ambrosin
Società editrice ARTNEWS srl via dei Pastini 114, 00186 Roma
P.IVA e C.F. 12082801007

Chi siamo Archivio