BANKSY-banner-metamorfosi-160x142.jpg

Martedì, 22 Novembre 2016 09:54

Atleta di Fano di Lisippo celebrato da un francobollo delle Poste italiane

Scritto da 

La statua, ripescata nel 1964 a largo della cittadina marchigiana e al centro di un contenzionso con il Getty Museum di Los Angeles per la sua restituzione, sarà protagonista di un francobollo che verrà emesso il 25 novembre

FANO - La celebre statua dell’Atleta vittorioso, opera dello scultore greco Lisippo, esposta al Paul Getty Museum di Los Angeles in California e al centro di un contenzioso tra Stati Uniti e Italia per la sua restituzione, diventa protagonista di un francobollo delle Poste italiane. Infatti da venerdì 25 novembre, le Poste emetteranno 6 nuovi francobolli, tra questi uno dedicato appunto alla statua di Lisippo, conosciuta anche come Atleta di Fano, essendo stata ripescata al largo di Fano nel 1964. 

Il sindaco della cittadina marchigiana, Massimo Seri, ha dichiarato:  "Un motivo di grande soddisfazione perché l'emissione sancisce ufficialmente due punti importantissimi: il nome della statua e la sua appartenenza al patrimonio artistico e culturale italiano. La statua infatti viene definita come "l'Atleta di Fano", non con la dizione di "Getty's bronze" con la quale è indicata nel museo di Malibù".  Secondo Seri, l'attestazione dell'appartenenza al “Patrimonio artistico e culturale italiano” offre forse ulteriori elementi alla battaglia legale che vede impegnato il nostro Stato nel contenzioso internazionale con il museo americano. Il sindaco ha anche ringraziato il professor Alberto Berardi che con l'associazione Le Cento Citta' ha dato l'avvio al processo per la confisca del Lisippo. Il francobollo sarà visibile dal 25 novembre al 4 dicembre in una mostra che si terrà a Fano a Palazzo Bracci Pagani. 

Ultima modifica il Martedì, 22 Novembre 2016 10:03


BANKSY-banner-metamorfosi-300x250.jpg

Flash News

Mostre*

© ARTEMAGAZINE - via degli Spagnoli, 24 00186 Roma - tel 06 8360 0145 - mail redazione@artemagazine.it
Quotidiano di Arte e Cultura registrato al Tribunale di Roma n. 270/2014 - Direttore Responsabile Alessandro Ambrosin
P.IVA e C.F. 12082801007

Chi siamo Archivio