WEB-160x142.gif

Mercoledì, 07 Dicembre 2016 10:41

Archeologia. Al Museo Egizio di Torino scoperta la mummia di Nefertari

Scritto da 

Un team di archeologi internazionali, dopo una serie di analisi e rilievi su un paio di gambe mummificate conservate nel museo torinese, ritiene che i resti siano della regina Nefertari, moglie prediletta di Ramses II

TORINO - Le spoglie della regina Nefertari, moglie preferita del faraone Ramses II, si troverebbero al Museo Egizio di Torino. Ad affermarlo un gruppo di archeologi internazionali che hanno pubblicato i risultati di uno studio sul sito di "Plos One" (Public Library of Science). 

Al Museo infatti si trovano, custoditi in una teca, i resti di un paio di gambe femminili, tibie e peroni, già dai primi del Novecento. Soltanto ora però un team di ricercatori dell’Università di York ha sottoposto i reperti ad analisi e rilievi. I risultati delle indagini, compiute con datazione al radiocarbonio, esami antropologici, paleopatologici, genetici e chimici, hanno portato alla conclusione che si tratti dei resti di una donna adulta di circa 40 anni di età, attribuibili alla regina Nefertari. 

Inoltre i materiali utilizzati per imbalsamare le gambe sono in linea con i metodi usati nella mummificazione del 13 secolo avanti Cristo per la dinastia dei ramessidi. Anche gli oggetti all'interno della tomba portano a sostenere che quella fosse effettivamente la sepoltura di Nefertari. 

Le gambe mummificate della leggendaria regina, insieme con altri reperti, erano state spedite al museo torinese dall'archeologo Ernesto Schiaparelli, che nel 1904 aveva scoperto la tomba. Alla celebre regina era stata dedicata nella  Valle delle Regine, sulla riva occidentale del Nilo di fronte alla città di Tebe, oggi Luxor, una tomba finemente decorata, già saccheggiata in tempi antichi. 

Ultima modifica il Mercoledì, 07 Dicembre 2016 10:50


WEB-250x300.gif

Flash News

Mostre*

© ARTEMAGAZINE - via dei Pastini 114, 00186 Roma - tel 06.98358445 - mail redazione@artemagazine.it
Quotidiano di Arte e Cultura registrato al Tribunale di Roma n. 270/2014 - Direttore Responsabile Alessandro Ambrosin
Società editrice ARTNEWS srl via dei Pastini 114, 00186 Roma
P.IVA e C.F. 12082801007

Chi siamo Archivio