160x142-banksy-palermo.gif

Mercoledì, 21 Dicembre 2016 10:33

Sisma Centro Italia. Continuano i recuperi di opere d'arte anche con il supporto di Legambiente

Scritto da 

 I volontari specializzati di Legambiente si sono messi a disposizione dei funzionari del Mibact che hanno coordinato le attività di recupero, accanto a Vigili del fuoco e Carabinieri. Nelle operazione svolte in questi giorni sono state tratte in salvo moltissimi opere

CASTELSANTANGELO SUL NERA (MACERATA) -  I volontari specializzati di Legambiente, già da qualche settimana, stanno lavorando  a supporto dei funzionari del Mibact, a Vigili del fuoco e Carabinieri, nelle operazioni di recupero delle opere d’arte colpite dal sisma del Centro Italia. Proprio in queste ultime ore sono state recuperate le opere nella chiesa di Santa Lucia, risalente al XIII secolo, nella frazione Rapegna di Castelsantangelo sul Nera, uno dei comuni più colpiti dal sisma.

Le operazioni di recupero a Castelsantangelo hanno avuto inizio qualche giorno fa con la messa in sicurezza delle opere della Chiesa di San Martino nella frazione di Gualdo. Nell'operazione sono stati tratte in salvo moltissimi opere - tra cui tele del seicento, alcune delle quali strappate e bagnate, alcune sculture, reliquiari ad ostensorio e reliquiari di altro tipo - che sono state spolverate, imballate e catalogate. 

Il 19 dicembre invece in due frazioni di Amatrice le squadre del MiBACT, con la collaborazione dei Vigili del Fuoco, dei Carabinieri del Comando Tutela Patrimonio Culturale, con il corpo forestale e i volontari della protezione civile, hanno recuperato diversi beni storici e artistici dalle località di Colli e di Scai.  In particolare dalla chiesa di San Sebastiano a Scai sono stati recuperati la Sacra Famiglia e la Trinità donato dalla popolazione nel 1705, il Sant'Antonio Abate, l'Immacolata Concezione, due dipinti di San Pietro e di San Paolo Apostolo, il tabernacolo ligneo di fine '500, le due lampade pensili (sec XX), la statua di Sant'Emidio, la campanella di bronzo, la statua lignea della Madonna della Candelora con Bambino del sec XVIII e otto stazioni della Via Crucis. Dalla Chiesa di Santa Maria di Colli sono state recuperate tre tele: la Madonna con Bambino e S. Antonio, le Anime Purganti, la Madonna e S. Emidio, l'Annunciazione e la campanella. Tutti i beni sono stati ricoverati presso il deposito di Cittaducale. 

Ultima modifica il Mercoledì, 21 Dicembre 2016 10:48


300x250 Michelangelo - artemagazine.jpg

Flash News

Mostre*

© ARTEMAGAZINE - via degli Spagnoli, 24 00186 Roma - tel 06 8360 0145 - mail redazione@artemagazine.it
Quotidiano di Arte e Cultura registrato al Tribunale di Roma n. 270/2014 - Direttore Responsabile Alessandro Ambrosin
P.IVA e C.F. 12082801007

Chi siamo Archivio