160x142_canaletto_2.jpg

Mercoledì, 21 Dicembre 2016 14:31

Recuperati dai Carabinieri antichi manoscritti trafugati dall'Archivio di Venezia

Scritto da 

Si tratta di documenti inerenti alla storia della Serenissima Repubblica di Venezia, del valore complessivo di 500 mila euro, sottratti in tempi e circostanze diverse dalla Sala Diplomatica "Regina Margherita" e successivamente acquistati in buona fede da diversi collezionisti 

VENEZIA - Sono stati recuperati dai carabinieri del Nucleo tutela patrimonio culturale di Venezia, coordinati dalle Procure di Venezia e Padova, con l'ausilio della Soprintendenza Archivistica del Veneto e Trentino Alto Adige di Venezia e dell'Archivio di Stato di Venezia, sei preziosi documenti di archivio trafugati in tempi e circostanze diverse dalla Sala Diplomatica "Regina Margherita" dell'Archivio di Stato di Venezia.

Il primo documento è un frammento di pagina in pergamena manoscritta del 1328 con la prima raffigurazione del Doge Francesco Dandolo (Venezia 1258-1339). Il frammento appartiene al foglio in pergamena strappato dal "Codice Collegio, Promissioni Ducali, 1", trafugato prima del 1965. Il documento, del valore di circa 10 mila euro, era stato acquistato ad un'asta da un Italiano residente a Parigi. Il secondo reperto è invece composto di quattro pagine in pergamena manoscritte, risalente alla seconda metà del XIV secolo. Le pagine erano state asportate da un codice denominato "Mariegola della Scuola Grande di Santa Maria de Valverde mare de Misericordia" del 1392 trafugato negli anni '40,  hanno un valore di 400 mila euro. Queste opere erano finite nelle mani di un collezionista americano.

Il terzo documento è invece un grande disegno a penna e inchiostro su carta raffigurante "Studio per Galeone" di anonimo veneziano della prima meta' del XVI secolo, trafugato prima del 1974 e del valore di 100 mila euro. Quest’opera, dopo varie vicissitudini, era stata acquistata da un ignaro collezionista italiano. 

Il procuratore aggiunto di Venezia, Adelchi d'Ippolito ha spiegato: “Era facile mollare la presa, visti gli anni trascorsi e le vie prese dalle opere, ma la tenacia investigativa dei carabinieri e della procura, ha permesso di raggiungere questo risultato". Attualmente c’è un fascicolo aperto per ricostruire nel dettaglio le sottrazioni  e capire se possa aver anche operato una mano unica o si è trattato di casi singoli. "Gli acquirenti - ha concluso il procuratore - erano in buona fede e hanno capito il lavoro investigativo e non si sono opposti alle restituzioni”. 

Ultima modifica il Mercoledì, 21 Dicembre 2016 14:39



250x300.jpg

Flash News

Mostre*

© ARTEMAGAZINE - via dei Pastini 114, 00186 Roma - tel 06.98358445 - mail redazione@artemagazine.it
Quotidiano di Arte e Cultura registrato al Tribunale di Roma n. 270/2014 - Direttore Responsabile Alessandro Ambrosin
Società editrice ARTNEWS srl via dei Pastini 114, 00186 Roma
P.IVA e C.F. 12082801007

Chi siamo Archivio