BANKSY-banner-metamorfosi-160x142.jpg

Lunedì, 16 Gennaio 2017 15:18

Al Parco Archeologico di Ostia antica, la nona edizione di "Arte in Memoria"

Scritto da 

La biennale Internazionale di Arte Contemporanea, a cura di Adachiara Zevi e organizzata dall'Associazione Culturale Arteinmemoria, ha avuto inizio nel 2002 e giunge oggi alla sua nona edizione

Sara Enrico STUDIO PER  Mirroring, 2017 Tecnica: Stampa digitale su poliestere, tessuta con filo in poliestere Dimensioni: due tessuti 146 x 400 ognunoCourtesy Sara Enrico Sara Enrico STUDIO PER Mirroring, 2017 Tecnica: Stampa digitale su poliestere, tessuta con filo in poliestere Dimensioni: due tessuti 146 x 400 ognunoCourtesy Sara Enrico

ROMA - Domenica 22 gennaio alle ore 11.00, presso la Sinagoga di Ostia Antica, sarà inaugurata ARTE IN MEMORIA, la biennale Internazionale di Arte Contemporanea. L’idea per la realizzazione di questa rassegna prende avvio dall’iniziativa promossa dalla Sinagoga di Stommeln, in provincia di Colonia, sopravvissuta al nazismo, dove dal 1990 ogni anno un artista è invitato a creare un lavoro originale per il luogo.

La prima edizione di Arte in Memoria, pensata per la Sinagoga di Ostia Antica,  la più antica d’Occidente risalente al I sec. d.C. e parte dell’area archeologica degli Scavi di Ostia, venne inaugurata il 16 ottobre 2002: dodici artisti provenienti da diversi Paesi furono invitati per realizzare un lavoro pensato appositamente per il luogo sul tema della memoria. Presero parte alla prima edizione Arnold Dreyblatt, Emilio Fantin, Rudolf Herz, Jannis Kounellis, Sol LeWitt, Fabio Mauri, Marisa Merz, Maurizio Mochetti, Giulio Paolini, Susan Philipsz, Enzo Umbaca, Gail Weinstein.

Come per tutte le edizioni precedenti anche per quella attuale le opere vengono realizzate appositamente per la Sinagoga di Ostia Antica. Gli artisti invitati ad intervenire quest’anno sono: Sara Enrico, che alla scelta di lavorare con alcune pratiche artigianali legate alla tessitura unisce l’uso di fibre artificiali moderne, in una costante ricerca di equilibrio tra pittura, artigianato e tecnologia. La sua opera si intitola Mirroring e indaga la dimensione dell'acqua.

Horst Hoheisel partecipa invece con un lavoro di consolidamento e restauro di alcune parti della sinagoga registrando le memorie che le pietre stesse evocano in lui. Si chiama Felt Stones la sua opera. 

Ariel Schlesinger propone Nameless (Senza nome), un’installazione realizzata in riferimento al progetto memoriale Stolpersteine portato avanti dall’artista tedesco Gunter Demnig in 610 città europee. Veri e propri sampietrini sono interrati difronte alle abitazioni delle vittime del nazi-fascismo tra il 1933 e il 1945. La superficie superiore, a livello stradale, è di ottone e su di essa sono incisi il nome e il cognome, l’anno di nascita, l’anno e il luogo della deportazione, l’anno e il luogo di morte.

Luca Vitone partecipa con un lavoro sul valore simbolico delle pietre intitolato Le 5 pietre di Davide, quelle pietre che Davide raccolse nei pressi del fiume prima di andare ad affrontare Golia. Un oggetto archeologico, una reliquia, uno dei temi biblici più conosciuti e raccontati ai bambini che narrano dello scontro tra il debole e il forte, tra il piccolo e il gigante, tra il giovane e l’adulto.

Arte in memoria partecipa al Giorno della Memoria, istituito dai Parlamenti di diversi paesi europei nella data di apertura dei cancelli di Auschwitz. Il presupposto teorico e critico della rassenga è che la nostra cultura sia allo stesso tempo ossessionata dalla memoria e catturata dalla dinamica distruttiva dell’oblio. ARTE IN MEMORIA coinvolge dunque la comunità degli artisti perché trasformi un luogo di culto in luogo di cultura, ripopolandolo con visioni ispirate alla storia ma radicate nell’attualità.
La mostra, aperta al pubblico fino al 18 aprile 2017, sarà corredata di un catalogo pubblicato a conclusione dell’esposizione. Bilingue e graficamente conforme ai precedenti, conterrà un saggio della curatrice e le immagini delle opere esposte nella Sinagoga di Ostia.
A memoria dell’iniziativa e come abbrivio di una possibile collezione di opere d’arte contemporanea in un sito archeologico, alcuni artisti che hanno partecipato alle scorse edizioni hanno donato le loro opere alla Soprintendenza: tra questi, nel 2002 Sol LeWitt (Senza Titolo, 2002, muratura, cm 300x230x354Ø), e Gal Weinstein (Blaster, 2002, ceramica, cm 250x250), nel 2005 l’artista portoghese Pedro Cabrita Reis ha donato Untitled, 2005 (mattoni, cemento, legno, 21 colonne ciascuna di cm 220x40x40), nel 2011 Liliana Moro ha donato Stella polare, 2011 e, al termine delle settima edizione del 2013 Michael Rakowitz ha donato Gheniza per Ostia, mentre al termine dell’ottava nel 2015, Stih &Schnock hanno lasciato un esemplare di Sinergia su supporto di metallo.

Le opere, in dialogo permanente con le rovine, sono visibili dalla strada che collega gli Scavi di Ostia all’aeroporto Leonardo da Vinci di Fiumicino. Il sito www.arteinmemoria.com/arteinmemoria, realizzato da Giovanni D’Ambrosio e Paolo La Farina, documenta interamente le prime otto edizioni: gli intenti, il sito, gli artisti, con le biografie  e le opere, i cataloghi relativi a ogni edizione, la rassegna stampa.


 
Vademecum

Mostra: ARTE IN MEMORIA 9
Ideazione e cura: Adachiara Zevi
Direzione e Coordinamento Architettonico: Cinzia Morelli, Alberto Tulli
Organizzazione: Associazione Culturale arteinmemoria.
Inaugurazione: domenica 22 gennaio 2017, ore 11.00                                                
Durata mostra: 22 gennaio – 18 aprile 2017
Orario ingresso Mostra:
dal 20 gennaio al 15 febbraio dalle ore 11.00 alle ore 15.30
dal 16 febbraio al 15 marzo dalle ore 11.00 alle ore 16.00
dal 16 marzo all’ultimo sabato di marzo dalle ore 11.00 alle ore 16.30
dall’ultima domenica di marzo al 18 aprile dalle ore 11.00 alle ore 18.15
Orario ingresso agli Scavi di Ostia dal martedì alla domenica dalle ore 8.30; Lunedì chiuso
Ingresso alla Mostra: la mostra si inserisce nel percorso di visita agli Scavi
Ingresso agli Scavi di Ostia : intero € 8; ridotto € 4
La prima domenica di ogni mese: ingresso gratuito
Come Arrivare: linea ferroviaria urbana dalla stazione di  Porta San Paolo; fermata Ostia Antica.
In automobile: Via del Mare (uscita n.28 del GRA); via Cristoforo Colombo fino a Castel Fusano, dove si incontra il bivio per Ostia Antica
Parcheggio: custodito e a pagamento esterno all’area archeologica, nei pressi della biglietteria
Informazioni:  Soprintendenza Speciale per il Colosseo, il Museo Nazionale Romano e L'Area archeologica di Roma.  Tel: 06 56358003 / 06 56368099

Ultima modifica il Lunedì, 16 Gennaio 2017 16:03


BANKSY-banner-metamorfosi-300x250.jpg

Flash News

Mostre*

© ARTEMAGAZINE - via degli Spagnoli, 24 00186 Roma - tel 06 8360 0145 - mail redazione@artemagazine.it
Quotidiano di Arte e Cultura registrato al Tribunale di Roma n. 270/2014 - Direttore Responsabile Alessandro Ambrosin
P.IVA e C.F. 12082801007

Chi siamo Archivio