555400000.jpg

Lunedì, 30 Gennaio 2017 14:50

Galleria Borghese, prorogata fino a marzo la mostra su Caravaggio e il maestro di Hartford

Scritto da 

La rassegna, inaugurata lo scorso novembre, ripercorre attraverso una quarantina di tele, le origini della natura morta italiana alla fine del XVI secolo. L'esposizione rimarrà aperta fino al prossimo 12 marzo 2017

Maestro di Hartford, Vaso di fiori, alzatina con fichi, cesta con uva e frutta su tavolo Collezione privata Maestro di Hartford, Vaso di fiori, alzatina con fichi, cesta con uva e frutta su tavolo Collezione privata

ROMA - La mostra “L’origine della natura morta. Caravaggio e il maestro di Hartford”, allestita a Roma alla Galleria Borghese inaugurata lo scorso 15 novembre 2016, verrà prorogata fino al 12 marzo 2017. L’esposizione, curata da Anna Coliva, storica dell'arte e direttrice della Borghese, e da Davide Dotti, critico d'arte specializzato nel barocco italiano e in particolare in paesaggismo e natura morta tra 600 e 700, avrebbe dovuto concludersi il 19 febbraio 2017, ma vista la grande affluenza di visitatori si è deciso per un suo prolungamento.

La rassegna, attraverso una quarantina di tele provenienti da collezioni private e musei di tutto il mondo, prende in esame le origini della natura morta italiana nel contesto romano della fine del XVI secolo, seguendo i successivi sviluppi della pittura caravaggesca nei primi tre decenni del '600. 

Tra le opere in esposizione va sicuramente citato un capolavoro assoluto ci Caravaggio, come la Canestra di frutta, proveniente dalla Pinacoteca Ambrosiana, oppure il Bacchino malato e il Ragazzo con canestra di frutta, ma anche le tele del Maestro di Hartford, attribuite negli anni '70 da Federico Zeri a un giovane Caravaggio. 

Ultima modifica il Lunedì, 30 Gennaio 2017 15:05

300X300.jpg

Flash News

Mostre*