BANKSY-banner-metamorfosi-160x142.jpg

Lunedì, 06 Febbraio 2017 16:23

New York. Il MoMa contro Trump

Scritto da 

Il museo newyorkese, che sorge a due isolati dalla Trump Tower, ha deciso di esporre le opere di sette artisti provenienti dai Paesi colpiti dal decreto presidenziale, il cosidetto Muslim ban

NEW YORK - Il Moma, il Museo d'arte moderna di New York, si schiera contro Trump e per dimostrarlo espone le opere di sette artisti provenienti dai Paesi colpiti dal Muslim ban, ovvero Siria, Libia, Yemen, Sudan, Somalia, Iran, Iraq

Il più importate museo di arte moderna degli Stati Uniti non usa dunque mezzi termini e per affermare gli ideali di accoglienza e libertà, che sono alla base della cultura del museo ma anche degli stessi Stati Uniti, al posto di Picasso, Matisse e Picabia, mette in mostra le opere del pittore sudanese Ibrahim el-Salahi, dell'architetto nato in Iran, Zaha Hadid, della videoartista iraniana Tala Madan, e una scultura dell'artista iraniana Siah Armajani.

Accanto ad ognuna di queste opere esposte, il Museo newyorkese, che peraltro dista solo due isolati dalla Trump Tower, ha allegato il suo messaggio: “Questo è il lavoro di un artista di uno dei Paesi ai cui cittadini è negato l'ingresso negli Stati Uniti, secondo il decreto del presidente. Questo è uno dei lavori della collezione del museo installati per affermare l'ideale di libertà come vitale per il museo e per gli Stati Uniti”. 

Ultima modifica il Lunedì, 06 Febbraio 2017 16:29


BANKSY-banner-metamorfosi-300x250.jpg

Flash News

Mostre*

© ARTEMAGAZINE - via degli Spagnoli, 24 00186 Roma - tel 06 8360 0145 - mail redazione@artemagazine.it
Quotidiano di Arte e Cultura registrato al Tribunale di Roma n. 270/2014 - Direttore Responsabile Alessandro Ambrosin
P.IVA e C.F. 12082801007

Chi siamo Archivio