160x142-banksy-palermo.gif

Lunedì, 29 Maggio 2017 17:37

Firenze. Presentata l'attività svolta dai Carabinieri Nucleo Tpc

Scritto da 

Nel 2016 in Toscana aumento di furti del 30% rispetto al 2015. Sventata una truffa dai Carabinieri: dalla Svizzera dipinti falsi di manifattura fiorentina e senese inviati a restaurare a Firenze con lo scopo di ottenere, all'insaputa dei restauratori, una certificazione che ne avvalorasse l'autenticità

FIRENZE - Si è svolta questa mattina la presentazione dell'attività svolta dal comando di Firenze dei Carabinieri del Nucleo Tutela Patrimonio Culturale, nel corso del 2016. Il capitano Landranco Disibio ha sottolineato che per quanto concerne i furti di per d’arte "il trend nazionale ha registrato un calo, ma la Toscana, regione molto ricca di patrimonio culturale, è in controtendenza, con un aumento del 30% rispetto al 2015”. I furti, 69 nel 2016 a fronte dei 55 dell'anno precedente, hanno riguardato in particolare  edifici religiosi e case private. "Come contraltare - ha spiegato Disibio - nel 2016 abbiamo denunciato 59 persone". L'attività dei militari ha permesso inoltre di recuperare opere rubate per un valore complessivo di circa 2 milioni di euro. Tra queste, 82 reperti archeologici di produzione attica ed etrusca, epoca VI - IV secolo a.C., appartenenti alla collezione del conte Napoleone Passerini Pio di Chiusi (Siena) risalente al 1862 e andata dispersa negli anni. I reperti, che si trovavano in un'abitazione privata e sono stati ritrovati in modo fortuito durante un trasloco, verranno acquisiti dal Polo museale della Toscana. Un pugnale di fattura araba, rubato nel 1977 dal museo Stibbert di Firenze, e' stato rintracciato presso una casa d'aste di Londra, grazie alla segnalazione di uno studioso di Arte islamica. Secondo quanto accertato dai carabinieri il pugnale, realizzato in acciaio brunito e oro con impugnatura in giada, era stato venduto a un collezionista belga per 60 mila euro, e poi messo all'asta per la cifra di 400 mila euro. Recuperati anche 48 volumi del XVI secolo, portati via in data imprecisata dalla biblioteca del Capitolo della cattedrale di Citta' della Pieve, e altri due preziosi volumi, uno rubato dalla biblioteca Bandiniana del seminario vescovile di Fiesole nel 2009, e l'altro dalla biblioteca del seminario di Orvieto nel 2011.

Sempre nel corso della presentazione è stata resa nota anche una truffa scoperta dai Carabinieri. Si tratta di alcuni falsi dipinti di manifattura fiorentina e senese del XIV, XV e XVI secolo, che dalla Svizzera venivano inviati a restaurare a Firenze con lo scopo di ottenere, all'insaputa dei restauratori, una certificazione che ne avvalorasse l'autenticità. Le indagini svolte dai Carabinieri hanno portato al sequestro di 10 opere, tra cui dipinti sull'Annunciazione e raffiguranti la Madonna col bambino, e alla denuncia per contraffazione di due italiani residenti all'estero. Le opere pittoriche, pur essendo state realizzate in età moderna - per materiali usati e tecnica pittorica -, venivano presentate all'Agenzia delle dogane e all'ufficio esportazione di Firenze come di manifattura fiorentina e senese realizzate tra il XIV e il XVI secolo. Le verifiche, svolte dagli esperti dell'Opificio delle pietre dure di Firenze, hanno rivelato che si trattava di falsi. "Le indagini - ha spiegato il capitano Lanfranco Disibio, - hanno permesso di constatare che non solo non avevano bisogno di restauro, ma non erano coeve con la data indicata nei certificati di importazione". "La nostra tesi, supportata dall'autorità giudiziaria - ha aggiunto Disibio - è che l'ingresso a Firenze serviva a certificarne la datazione, farle passa da restauratori fiorentini ne aumentata il pregio e il valore quando rientravano sul mercato estero". Una volta immesse sul mercato come autentiche, le opere avrebbero potuto fruttare guadagni per 350 mila euro. 

Il direttore degli Uffizi, Eike Schmidt, intervenendo alla presentazione, ha dichiarato: "I carabinieri del nucleo tutela patrimonio culturale sono un'eccellenza italiana ammirata in tutto il mondo, e rappresentano un modello per molti stati".  "Per questo abbiamo deciso di inaugurare gli spazi dedicati alle mostre temporanee degli Uffizi con una mostra dedicata alla loro attività” - ha aggiunto ancora Schmidt -, riferendosi all'esposizione “La tutela tricolore - I custodi dell'identità”, svoltasi del 20 dicembre 2016 al 14 febbraio 2017. 

Ultima modifica il Lunedì, 29 Maggio 2017 17:47


300x250 Michelangelo - artemagazine.jpg

Flash News

Mostre*

© ARTEMAGAZINE - via degli Spagnoli, 24 00186 Roma - tel 06 8360 0145 - mail redazione@artemagazine.it
Quotidiano di Arte e Cultura registrato al Tribunale di Roma n. 270/2014 - Direttore Responsabile Alessandro Ambrosin
P.IVA e C.F. 12082801007

Chi siamo Archivio