160x142-banksy-palermo.gif

Mercoledì, 12 Luglio 2017 10:59

Uffizi, Rinascimento in movimento

Scritto da 

Il Dittico di Piero della Francesca con i coniugi urbinati è stato ricollocato nella sala 8,  mentre le due tavolette di Botticelli con le Storie di Giuditta e Oloferne hanno trovato posto nella successiva sala 9

FIRENZE - Movimenti  in corso alle Gallerie degli Uffizi, dove due dittici hanno trovato una migliore sistemazione all’interno delle Sale del Rinascimento, premiando  sia la circolazione del pubblico all’interno degli ambienti dedicati al primo Rinascimento, che la valorizzazione delle opere stesse e dei legami fra i pittori protagonisti di questa intensa stagione fiorentina. Si tratta dunque di spostamenti non solo utili, ma filologicamente pertinenti. 

Il celebre doppio ritratto dei duchi di Urbino, opera autografa di Piero della Francesca, è stato ricollocato nella sua storica posizione, all’interno della sala 8, nella cui centralità già campeggiava e dove ora è accostato alle opere di Filippo Lippi, Paolo Uccello, Masaccio e Beato Angelico. Una posizione che favorisce maggiormente sia la sua essenziale visione tergale, che la circolazione del pubblico all’interno della più ampia sala. 

Nella successiva sala 9, dove precedentemente la struttura era sistemata in relazione alle opere dei Pollaiolo, le cui sei Virtù sono accostate all’inaugurale Fortezza di Sandro Botticelli, trova ora posto, accostata alla parete fra le due finestre, la vetrina contenente le due piccole tavolette narranti le Storie di Giuditta e Oloferne, sempre di Botticelli, precedentemente visibili sul fianco sinistro della Primavera, in sala 10-14. 

Un anticipo botticelliano maggiormente capace di concentrare l’attenzione dei visitatori su questi perfetti capolavori dalle dimensioni contenute e che si lega perfettamente agli esordi dell’artista fiorentino nella bottega del Lippi e le sue probabili quanto precoci tangenze con l’ambiente dei Pollaiolo. 

Eike Schmidt, Direttore delle Gallerie degli Uffizi, commenta con soddisfazione: “Il ripristino della storica posizione del Dittico Montefeltro di Piero della Francesca al centro della sala numero 8 non soltanto migliora i flussi dei visitatori ma contribuisce alla valorizzazione dei Pollaiuolo – Piero  e Antonio - e il primo periodo di Sandro Botticelli, ora riuniti nella sala 9 dove le loro opere possono essere studiate e paragonate con il massimo agio.”

Ultima modifica il Mercoledì, 12 Luglio 2017 11:04


300x250 Michelangelo - artemagazine.jpg

Flash News

Mostre*

© ARTEMAGAZINE - via degli Spagnoli, 24 00186 Roma - tel 06 8360 0145 - mail redazione@artemagazine.it
Quotidiano di Arte e Cultura registrato al Tribunale di Roma n. 270/2014 - Direttore Responsabile Alessandro Ambrosin
P.IVA e C.F. 12082801007

Chi siamo Archivio