BANNER_WEB_160X142.jpg

Martedì, 12 Settembre 2017 19:31

Praemium Imperiale 2017, i nomi dei vincitori

Scritto da 

Neshat per la pittura, Anatsui per la scultura, Moneo per l’architettura, N’Dour per la musica, Baryshnikov per il teatro/cinema. La premiazione avrà luogo il 18 ottobre a Tokyo

ROMA - Si è svolta martedì 12 settembre, in contemporanea con Tokyo, Londra, New York, Parigi e Berlino, la conferenza stampa nella quale sono stati annunciati i nomi dei vincitori dell’edizione 2017 del Praemium Imperiale, assegnato dalla Japan Art Association, che conferisce un prestigio internazionale in campo artistico pari a quello dei Premi Nobel in campo scientifico. 

Sono l’iraniana Shirin Neshat per la pittura, il ghanese El Anatsui per la scultura, lo spagnolo Rafael Moneo per l’architettura, il senegalese Youssou N’Dour per la musica e lo statunitense-lettone Mikhail Baryshnikov per il teatro/cinema, i vincitori della ventinovesima edizione di questo importante riconoscimento. «Apprezzo con piacere le scelte fatte dalla Japan Art Association che ha voluto premiare l'originalità, la creatività degli artisti» ha spiegato Lamberto Dini, Consigliere internazionale del prestigioso riconoscimento, che ha presieduto la conferenza stampa di presentazione dei vincitori rivelando anche il forte sostegno da parte del comitato italiano a Shirin Neshat, «artista dalla forte personalità».

I vincitori, durante la cerimonia di premiazione, che si svolgerà a Tokyo il prossimo 18 ottobre, riceveranno ciascuno un ricco premio pari a 15 milioni di yen (circa 117.000 euro), un diploma e una medaglia conferiti dal Patrono Onorario della Japan Art Association, il Principe Hitachi. 

Gli artisti, premiati per i loro risultati e per l'influenza esercitata nel mondo dell'arte, vengono ogni anno scelti tra una rosa di candidati proposti da appositi Comitati nazionali di Giappone, Stati Uniti, Gran Bretagna, Francia, Germania e Italia. Tra i Consiglieri internazionali figurano statisti ed esponenti di spicco del mondo istituzionale, politico e culturale: Lamberto Dini, Klaus-Dieter Lehmann, William H. Luers, Christopher Patten, Jean-Pierre Raffarin e Yasuhiro Nakasone. Sono Consiglieri onorari Jacques Chirac, David Rockefeller Jr. e François Pinault.

I vincitori del 2017 vanno dunque ad aggiungersi ai 144 artisti già insigniti del premio, tra i quali Claudio Abbado, Gae Aulenti, Ingmar Bergman, Luciano Berio, Cecco Bonanotte, Leonard Bernstein, Peter Brook, Anthony Caro, Enrico Castellani, Christo e Jeanne-Claude, Federico Fellini, Dietrich Fischer-Dieskau, Norman Foster, Frank Gehry, Jean-Luc Godard, David Hockney, Willem de Kooning, Akira Kurosawa, Wolfgang Laib, Sophia Loren, Umberto Mastroianni, Mario Merz, Issey Miyake, Giuseppe Penone, Renzo Piano, Michelangelo Pistoletto, Maya Plisetskaya, Maurizio Pollini, Arnaldo Pomodoro, Robert Rauschenberg, Mstislav Rostropovich, Ravi Shankar, Mitsuko Uchida, Giuliano Vangi.

Sempre il 12 settembre, a New York, è stata inoltre assegnata a Zoukak Theatre Company and Cultural Association (Libano) la Borsa di Studio del Praemium Imperiale 2017 per Giovani Artisti, istituita nel 1997 in occasione del decimo anniversario del Praemium Imperiale. La Borsa di studio, consistente in un contributo di 5 milioni di yen (circa 39.000 euro), è stata consegnata, assieme a un diploma, a Maya Zbib, fondatrice e presidente della Zoukak Theatre Company, in una conferenza stampa presieduta dal Consigliere internazionale americano William Luers. 

La Japan Art Association  precedentemente denominata Ryuchi-kai, è una istituzione fondata nel 1879, per promuovere le attività culturali e artistiche del Giappone e coltivare buoni rapporti con gli altri Paesi. L’attuale nome risale al 1887, mentre l’anno successivo venne inaugurato nel Parco Ueno uno spazio espositivo in cui tra il 1889 e il 1943 furono allestite 123 mostre. Nel 1988, in occasione del centenario della Japan Art Association, è stato istituito il Praemium Imperiale in onore del defunto Principe Takamatsu, che era stato Patrono onorario dell’Associazione per 58 anni. La prima cerimonia di premiazione si è tenuta a Tokyo nel 1989. Il principio ispiratore della Japan Art Association è la promozione da parte del Giappone della pace nel mondo attraverso le arti, secondo l'aspirazione del Principe Takamatsu.

I premiati

Shirin Neshat, classe 1957 è un’artista iraniana che vive a New York. Si occupa di fotografia, videoinstallazioni e cinema, focalizzando spesso la sua attenzione su questioni attinenti le donne musulmane di oggi, in particolare quelle che vivono in contesti religiosi estremi come nella società iraniana. Nel 2005 ha ricevuto il Premio d’Arte di Hiroshima e nel 2009 il suo primo lungometraggio, Women Without Men, con musiche di Ryuichi Sakamoto, si è aggiudicato il Leone d’Argento alla Mostra del Cinema di Venezia. La sua mostra più recente, Dreamers, inaugurata lo scorso maggio, conteneva un film e una serie di fotografie che costituiscono il primo tentativo dell’artista di catturare la cultura americana dalla sua prospettiva di esule iraniana che vive negli Stati Uniti.

Lo scultore El Anatsui è celebre in particolare per le sue sculture malleabili, create con metallo di scarto ricavato dalle macchine per la lavorazione della manioca o dai tappi delle bottiglie di liquore. Nato nel Ghana, si trasferì in Nigeria nel 1975, dove oggi vive. Le sue opere sono entrate a far parte delle collezioni di prestigiosi musei internazionali, tra i quali il Metropolitan Museum, la Tate Modern, il Centre Pompidou e la Smithsonian Institution. Nel 2015 è stato premiato con il Leone d’Oro alla carriera alla Biennale di Venezia. A lui è stata dedicata una grande retrospettiva in Giappone che ha viaggiato in diversi luoghi (2010-2011). Nel 2015 un’importante opera è stata inclusa nella mostra The Contemporary 2: Who Interprets the World? nel 21st Century Museum of Contemporary Art, Kanazawa, Giappone. El Anatsui è il primo cittadino ghanese a essere insignito del Praemium Imperiale.

L’architetto spagnolo Rafael Moneo, nato in  in Spagna nel 1933, è molto apprezzato per il lavoro di progettazione dei suoi edifici.  Ha completato con successo molti progetti sia in Spagna che all’estero, quali ad esempio la Stazione ferroviaria di Atocha a Madrid (1992), la Cattedrale di Nostra Signora degli Angeli (2002) a Los Angeles e l’Ampliamento del Museo del Prado a Madrid (2007). Nel 1996 è stato insignito del Premio Pritzker per l’Architettura e nel 2003 ha ricevuto la Medaglia d’Oro del Royal Institute of British Architects (RIBA).

Youssou N’Dour, nato a Dakar (Senegal) nel 1959, è un cantante, autore e compositore senegalese. Sebbene fosse nato in una famiglia di griot (i tradizionali cantastorie africani), fu influenzato fin da bambino dalla musica moderna, spesso internazionale, i cui echi possono ancora essere ascoltati nella sua opera, capace di spaziare dal punto di vista culturale. Le sue canzoni trattano una vasta gamma di questioni sociali. La sua voce fenomenale è strettamente associata al genere della world music, creato alla fine degli anni ’80 attraverso le collaborazioni musicali di artisti come N’Dour con musicisti occidentali quali Peter Gabriel, Paul Simon e Sting. Nel 1994 una collaborazione con Neneh Cherry, 7 Seconds, ha riscosso un enorme successo facendo di lui un musicista di fama internazionale. Nel 2004 si è aggiudicato un premio Grammy per il suo album Egypt. Youssou N’Dour è il primo cittadino senegalese a essere insignito del Praemium Imperiale.

Mikhail Baryshnikov, nato a Riga (Lettonia) nel 1948, è considerato uno dei più grandi ballerini dei nostri tempi. Dopo avere iniziato una carriera spettacolare con il Balletto Kirov a Leningrado, nel 1974 giunse in Occidente stabilendosi a New York come primo ballerino dell’American Ballet Theatre (ABT). Nel 1979 entrò a far parte del New York City Ballet, dove lavorò con George Balanchine e Jerome Robbins. Dal 1990 al 2002 Baryshnikov è stato direttore e ballerino del White Oak Dance Project, da lui fondato insieme al coreografo Mark Morris. Come attore, ha ricevuto una nomination al Premio Oscar per The Turning Point (Due vite, una svolta). Attualmente è in tournée con due produzioni teatrali che lo vedono unico protagonista: Letter to a Man, diretto da Robert Wilson, e Brodsky/Baryshnikov, diretto da Alvis Hermanis. Nel 2005 ha lanciato il Baryshnikov Arts Center (BAC) a New York.

La Zoukak Theatre Company and Cultural Association è un’organizzazione piccola ma dinamica composta da circa 25 persone. Il suo cuore creativo è costituito da Maya Zbib e da altri sei artisti, tutti trentenni. Lo scorso aprile la sede della compagnia è stata ampliata grazie all’aiuto economico di una fondazione elvetica. Ciò consentirà l’apertura di un teatro da 100 posti nel prossimo mese di novembre. “Attualmente la compagnia è in una nuova fase - spiega la fondatrice. - Vogliamo offrire ai giovani la possibilità di condividere i nostri strumenti per fare teatro, facendo crescere un pubblico di giovani.”

 

 

Ultima modifica il Mercoledì, 13 Settembre 2017 16:14

300x240.jpg

Flash News

Mostre*

© ARTEMAGAZINE - via dei Pastini 114, 00186 Roma - tel 06.98358445 - mail redazione@artemagazine.it
Quotidiano di Arte e Cultura registrato al Tribunale di Roma n. 270/2014 - Direttore Responsabile Alessandro Ambrosin
Società editrice ARTNEWS srl via dei Pastini 114, 00186 Roma
P.IVA e C.F. 12082801007

Chi siamo Archivio