WEB-160x142.gif

Martedì, 31 Ottobre 2017 16:52

Palladio Museum di Vicenza. A novembre sette affreschi del Tiepolo svelati per la prima volta

Scritto da 

I capolavori, conservati da oltre cinquant'anni anni nelle residenze dei proprietari che li salvarono dalle distruzioni belliche, saranno in mostra a partire dal prossimo 3 novembre 

VICENZA - Sono sette gli affreschi di Giandomenico Tiepolo (1727-1804) che per la prima volta saranno svelati al pubblico al Palladio Museum di Vicenza. La mostra che li vedrà protagonisti, è a cura di Fabrizio Magani, direttore della Soprintendenza di Verona e di Guido Beltramini, direttore del Palladio Museum.

I sette capolavori, da oltre cinquant’anni anni, erano conservati nelle residenze dei proprietari che li salvarono dalle distruzioni belliche. Gli eredi, convinti dell’opportunità di un godimento pubblico, li hanno destinati al Palladio Museum. Le opere saranno allestite nella Sala delle Arti al piano nobile di palazzo Barbarano, in continuità con le sale espositive del museo. 

Gli affreschi di Palazzo Valmarana Franco, sono legati indissolubilmente agli studi palladiani. Essi infatti sono realizzati due decenni dopo la straordinaria decorazione di Villa Valmarana ai Nani, per il figlio del committente, Gaetano Valmarana. Nella dimora suburbana a poca distanza dalla Rotonda palladiana,  i Tiepolo celebrano la naturalezza di una vita “moralizzata” in campagna. Vent'anni dopo, in città, a poca distanza dal Teatro Olimpico, il registro è completamente diverso: Tiepolo concepisce per il figlio Giustino una riedizione in pittura della magnificente scena del teatro all’antica di Palladio adottando non più il registro lieve e scherzoso della vita agreste ma il linguaggio aulico, monocromo ma nondimeno guizzante, della vicina architettura palladiana.

Camillo e Giovanni Franco, proprietari degli affreschi, hanno dichiarato di essere orgogliosi di poter contribuire alla cultura della  città con una parte di storia della loro famiglia. Fu Fausto Franco, zio dei generosi proprietari e Soprintendente ai Monumenti, a seguire il salvataggio degli affreschi di famiglia nel 1945. Dieci anni dopo lo stesso Franco, insieme – fra gli altri – a Rodolfo Pallucchini, Anthony Blunt, Rudolf Wittkower e André Chastel, fu fra i tredici fondatori del primo Consiglio scientifico del Centro palladiano, coordinato da Renato Cevese.

Fabrizio Magani ha dichiarato: “Si tratta di una iniziativa lodevole e assai opportuna in considerazione delle effettive distruzioni che gli affreschi di Tiepolo hanno subito a Vicenza durante la guerra. È importante quindi che oggi divenga fruibile al pubblico una parte importantissima del Tiepolo sopravvissuto”. Mentre Howard Burns, presidente del Consiglio scientifico del Centro palladiano, ha aggiunto:  “In questo modo il museo ribadisce la propria natura di autentico ‘museo della città’, luogo dello studio ma anche della conservazione dei reperti della memoria urbana nei suoi aspetti più significativi”.

La mostra sarà accompagnata da un catalogo con contributi di Fabrizio Magani (Soprintendente archeologia, belle arti e paesaggio per le province di Verona, Rovigo e Vicenza), Guido Beltramini (direttore CISA Andrea Palladio), Luca Fabbri, Maristella Vecchiato e Giovanna Battista (Soprintendenza archeologia, belle arti e paesaggio per le province di Verona, Rovigo e Vicenza).

In occasione della mostra, per ampliare l'opportunità di conoscenza del grande artista veneto, il Palladio Museum e Villa Valmarana ai Nani offrono una reciproca riduzione sui biglietti d’ingresso.

Ultima modifica il Martedì, 31 Ottobre 2017 16:55


WEB-250x300.gif

Flash News

Mostre*

© ARTEMAGAZINE - via dei Pastini 114, 00186 Roma - tel 06.98358445 - mail redazione@artemagazine.it
Quotidiano di Arte e Cultura registrato al Tribunale di Roma n. 270/2014 - Direttore Responsabile Alessandro Ambrosin
Società editrice ARTNEWS srl via dei Pastini 114, 00186 Roma
P.IVA e C.F. 12082801007

Chi siamo Archivio