BANNER_WEB_160X142.jpg

Lunedì, 16 Ottobre 2017 16:41

Roma. Iniziata la demolizione del villino nello storico quartiere Coppedé

Scritto da 

Il Presidente di Italia Nostra, Oreste Rutigliano, aveva inviato una lettera a MiBact, alla Direzione generale Archeologia, Belle Arti e Paesaggio e alla Soprintendenza Speciale Archeologia, Belle Arti e Paesaggio di Roma per chiedere di bloccare l'abbattimento dell'immobile

ROMA - A poco è valso l’appello di residenti e associazioni per fermare la demolizione del villino nel quartiere Coppedè a Roma. La demolizione dello storico edificio di via Ticino 3 è infatti cominciata dalle prime ore del mattino del 16 ottobre, tra le proteste. Proprio qualche giorno fa, il Presidente di Italia Nostra, Oreste Rutigliano, aveva inviato una lettera a MiBact, alla Direzione generale Archeologia, Belle Arti e Paesaggio e alla Soprintendenza Speciale Archeologia, Belle Arti e Paesaggio di Roma per chiedere di bloccare l'abbattimento dell'immobile, il cui posto verrebbe preso da un moderno condominio, progettato da Alessandro Ridolfi, presidente degli architetti di Roma. All’appello si era unito anche il critico d’arte Vittorio Sgarbi: "Non sarebbe meglio restaurare la palazzina che già c'è? Questo deve fare un sindaco, questo deve fare un sovrintendente".

Italia Nostra in una nota affermava: "Confinante con i villini storici del quartiere Coppedè, il palazzo presenta elementi di decoro e riferimenti formali tipici dell'architettura degli anni '30 del secolo scorso, ed è stato oggetto poi di un successivo intervento di sopraelevazione. Appartenuto alla congregazione di suore 'le Ancelle Concezioniste del Divin Cuore', oggi l'immobile è di proprietà dalla società 'NS costruzioni' S.r.L. che, nel progetto presentato in Conferenza dei servizi, intende demolirlo e sostituirlo con una palazzina residenziale di moderna concezione”.  “La demolizione dell'edificio - continuava il comunicato -  avrà l'effetto di alterare irreversibilmente la visione e la percezione unitaria e di insieme del contesto nel quale l'immobile è collocato, contesto di indiscutibile pregio storico e architettonico”. 

Italia Nostra chiedeva dunque al MiBact di svolgere ogni azione utile, ai sensi e per gli effetti dell'articolo 12 e ss. del Codice dei beniculturali e del paesaggio, al fine di assicurare la piena e più opportuna tutela al bene immobile in questione e salvaguardare il contesto storico e architettonico nel quale è inserito. 

Le proteste non hanno sortito effetto e attualmente dell’edificio rimane poco più che lo scheletro. “A questo punto prima finiscono i lavori e meglio è” - ha commentato qualche residente. 

Ultima modifica il Mercoledì, 18 Ottobre 2017 14:50

Articoli correlati (da tag)

300x240.jpg

Flash News

Mostre*

© ARTEMAGAZINE - via dei Pastini 114, 00186 Roma - tel 06.98358445 - mail redazione@artemagazine.it
Quotidiano di Arte e Cultura registrato al Tribunale di Roma n. 270/2014 - Direttore Responsabile Alessandro Ambrosin
Società editrice ARTNEWS srl via dei Pastini 114, 00186 Roma
P.IVA e C.F. 12082801007

Chi siamo Archivio