BANNER_WEB_160X142.jpg

Venerdì, 19 Gennaio 2018 16:25

Il Castello di Sammezzano tra i 12 monumenti a rischio in Europa

Scritto da 

La lista è stata resa nota da Europa Nostra, la principale organizzazione in Europa per la tutela del patrimonio culturale, e dall'Istituto della Banca Europea per gli Investimenti (Ibei)

FIRENZE - Tra i monumenti e i siti in pericolo per negligenza, sviluppo inadeguato, mancanza di risorse o competenze, c’è anche il Castello di Sammezzano, nel comune di Reggello (Firenze), di cui già in precedenti occasioni si è occupato ArteMagazine. In totale, secondo la nota diffusa da Europa Nostra, la principale organizzazione in Europa per la tutela del patrimonio culturale, e dall'Istituto della Banca Europea per gli Investimenti, sono 12 i siti  più a rischio, candidati all'edizione 2018 del programma "7 Most Endangered", selezionati da una giuria di esperti in diversi settori. 

Il programma 7 Most Endangered è stato lanciato per la prima volta nel gennaio 2013 da Europa Nostra - federazione paneuropea di organizzazioni a difesa del patrimonio - con l’Istituto della Banca Europea per gli Investimenti come partner fondatore e con la Banca di Sviluppo del Consiglio d'Europa come partner associato. Non è un programma di finanziamento: scopo del 7 Most Endangered è infatti quello di svolgere un ruolo di catalizzatore e promuovere il “potere dell’esempio”. 

Il Castello di Sammezzano, unico monumento a rischio selezionato per l'Italia, è stato nominato dal Touring Club Italiano,  insieme al movimento Save Sammezzano. Gli  altri luoghi storici a rischio sono dislocati in 10 Paesi europei e sono: il centro storico di Gjirokastra, Albania; le chiese post-bizantine a Voskopoja e Vithkuqi, Albania; il centro storico di Vienna, Austria; la fabbrica della lavorazione del carbone di Beringen, Belgio; il Monumento di Buzludzha, Bulgaria; il sistema di funivie di Chiatura, Georgia; il complesso monastico di David Gareji, Georgia; il Casinò di Constanta, Romania; i siti preistorici di arte rupestre nella provincia di Cadice, Spagna; l'orfanotrofio greco di Prinkipo, Isole dei Principi, Turchia; e la fabbrica di ghiaccio di Grimsby, Regno Unito.

I 12 luoghi - si legge nella nota - “sono stati selezionati tenendo in considerazione sia il loro straordinario valore storico e culturale, sia lo stato di degrado nel quale versano che mette in serio e imminente pericolo la loro esistenza. Anche il coinvolgimento delle comunità locali e l'impegno di attori pubblici e privati per salvare questi siti sono stati fattori cruciali. Un altro importante criterio è stato il potenziale che questi siti possono esprimere come catalizzatori di sviluppo sostenibile da punto di vista sociale ed economico”. 

“Questa shortlist è, prima di tutto, un invito all’azione. - Spiega Denis de Kergorlay, Presidente Esecutivo di Europa Nostra -  Abbiamo bisogno che attori pubblici e privati a livello locale, nazionale ed europeo uniscano le forze per salvare questi gioielli che raccontano la nostra storia comune e che devono essere preservati per le generazioni future”.

L’elenco dei siti inclusi nel “7 Most Endangered programme 2018” verrà reso pubblico il 15 marzo.

Ultima modifica il Venerdì, 19 Gennaio 2018 16:28

Banner  250x300.jpg

Flash News

Mostre*

© ARTEMAGAZINE - via dei Pastini 114, 00186 Roma - tel 06.98358445 - mail redazione@artemagazine.it
Quotidiano di Arte e Cultura registrato al Tribunale di Roma n. 270/2014 - Direttore Responsabile Alessandro Ambrosin
Società editrice ARTNEWS srl via dei Pastini 114, 00186 Roma
P.IVA e C.F. 12082801007

Chi siamo Archivio