WEB-160x142.gif

Sabato, 16 Giugno 2018 12:50

Atleta di Fano di Lisippo, una storia infinita

Scritto da 

 Il gip Giacomo Gasparini ha ribadito per la terza volta la posizione dell’Italia sul caso della celebre scultura conservata al Getty Museum: “la statua deve essere confiscata ‘ovunque si trovi’”. Il museo statunitense annuncia il ricorso in Cassazione

LOS ANGELES - La posizione dell’Italia è chiara sulla scultura attribuita a Lisippo e conosciuta come l’Atleta di Fano o Atleta vittorioso. Il gip di Pesaro Giacomo Gasparini infatti, lo scorso 8 giugno con una ordinanza di ben 50 pagine, ha ribadito che la  statua in bronzo del IV secolo a.C deve ritornare in Italia "ovunque si trovi”, respingendo l'opposizione alla confisca intentata dal museo americano.

Anche il procuratore capo della Repubblica di Pesaro Cristina Tedeschini ha annunciato che l'ordinanza del gip di Pesaro "è immediatamente esecutiva e intendiamo farla rispettare, la statua deve tornare in Italia. E’ ovvio che le pressioni politiche per riottenere questo bene nazionale dovranno andare di pari passo”.

Il procuratoreTedeschi ha inoltre aggiunto: "Ci aspettiamo ovviamente ricorso in Cassazione, ma il fatto certo è che ben tre giudici diversi hanno ribadito che la statua appartiene allo Stato italiano e che va riconsegnata". 

Nel frattempo infatti non si è fatta attendere la risposta del museo americano che ha annunciato appunto il ricorso in Cassazione, come si poteva supporre. A riferirlo è stato il portavoce del Getty,  Ron Hartwig, il quale ha sottolineato che il museo intende "difendere i propri diritti".

Ultima modifica il Sabato, 16 Giugno 2018 12:56


WEB-250x300.gif

Flash News

Mostre*

© ARTEMAGAZINE - via dei Pastini 114, 00186 Roma - tel 06.98358445 - mail redazione@artemagazine.it
Quotidiano di Arte e Cultura registrato al Tribunale di Roma n. 270/2014 - Direttore Responsabile Alessandro Ambrosin
Società editrice ARTNEWS srl via dei Pastini 114, 00186 Roma
P.IVA e C.F. 12082801007

Chi siamo Archivio