160x142_canaletto_2.jpg

Venerdì, 20 Luglio 2018 17:06

Villa Visconti Borromeo Litta di Lainate, un docufilm ne racconta le meraviglie. Trailer

Scritto da 

Liberamente tratto dal volume di Alessandro Morandotti  ‘Milano profana nell’Età dei Borromeo’, il lungometraggio critto e diretto da Francesco Vitali ripercorre la storia culturale e artistica di questo patrimonio unico nel suo genere

Fontana di Galatea Fontana di Galatea

MILANO - E’ stato presentato alla stampa il film documentario VILLA VISCONTI BORROMEO LITTA. Quattro secoli di storia, un viaggio nel tempo tra delizie, arte e giochi d’acqua’, scritto e diretto da Francesco Vitali con la collaborazione di Claudia Botta, prodotto da Francesco Vitali, Comune di Lainate, Associazione Amici di Villa Litta Onlus e Giuseppe Riva.

Il film èil racconto di quattro secoli di storia di una villa e dei suoi segreti ma è anche un prezioso strumento per far conoscere, ad un pubblico sempre più numeroso in Italia e all’estero, le meraviglie che racchiude: il suo Ninfeo, le sue serre, i suoi palazzi, le sue sculture e i giochi d’acqua, ma soprattutto la storia di colui che l’ha creata, Pirro I Visconti Borromeo, conte di Brebbia, sognatore, mecenate e uomo di cultura nella Milano spagnola alla fine del XVI secolo.

Frutto di una accuratissima e attenta ricerca da parte di Francesco Vitali, il docufim ripercorre la storia culturale e artistica di questo patrimonio unico nel suo genere, la straordinaria impresa di Pirro I nel trasformare un rudere agricolo di proprietà della famiglia Visconti Borromeo in una “Villa di delizie” e i successivi 400 anni di storia e di arte di questa dimora. Protagonista indiscussa è proprio l'antica Villa di Lainate, ideata e costruita tra il 1585 e il 1589 dal Conte Pirro I con lo scopo di stupire e divertire i suoi visitatori. L’abitazione, nel corso del tempo si è arricchiti grazie al lavoro di alcuni tra i più importanti artisti dell'epoca, tra i quali Martino Bassi, Camillo Procaccini, Marcantonio Prestinari, Francesco Brambilla, guidati da Giovan Paolo Lomazzo. 

Nel film la narrazione è alternata da immagini d'archivio che permettono di ammirare la Villa come è oggi e come era ieri, e da interviste con esperti d'arte, di storia e costume, tra cui il Professore Alessandro Morandotti, al cui prezioso lavoro, iniziato negli anni '80, si deve la ricostruzione della storia della Villa e del suo fondatore. 

Con il supporto della tecnologia, lo spettatore avrà la possibilità di visualizzare e rivivere il posizionamento originale di alcune delle opere d'arte commissionate ed acquistate per la Villa da Pirro I, oggi ospitate nei maggiori musei del mondo, tra le quali: la bella scultura di Adone, scolpita da Marcantonio Prestinari tra il 1600 e 1602, forse la sua prima opera giovanile, in origine nei giardini della Villa e ora al Museo del Louvre; o le due bellissime sculture in bronzo di Venere e Bacco, create per il Ninfeo di Lainate verso la fine del XVI secolo-inizio XVII secolo, ora appartenenti alle collezioni della National Gallery of Art di Washington; quattro dipinti di grande valore artistico venduti allo zar di Russia intorno al 1867 dalla famiglia Litta, tra i quali spicca la Madonna Litta attribuita a Leonardo da Vinci e l’Apollo e Marsia del Bronzino. Le ricostruzioni tridimensionali daranno allo spettatore un’idea di come la villa era adornata da questi capolavori tra il XVI e il XVIII secolo.

La realizzazione del film ha permesso di mostrare la riqualificazione di un sito che negli anni ‘70 era ridotto ad un rudere, grazie all’impegno e al sostegno di tanti mecenati pubblici e privati e alla perseveranza del Comune di Lainate, proprietario del parco e della villa, che ancora oggi prosegue nel recupero di altre stanze e al mantenimento del parco e del Ninfeo insieme ai volontari della Associazione degli Amici di Villa Litta. 

Il Docu-Film è già stato acquistato per essere trasmesso su SKY ARTE HD nella programmazione della prossima stagione inverno-primavera 2019. 

Un DVD è disponibile presso il bookshop di Villa Visconti Borromeo Litta e altri punti vendita. I ricavi della vendita del DVD andranno totalmente destinati al mantenimento della Villa stessa per i restauri e la gestione.

TRAILER

 

Ultima modifica il Venerdì, 20 Luglio 2018 17:15


300x300_canaletto_2.jpg

Flash News

Mostre*

© ARTEMAGAZINE - via dei Pastini 114, 00186 Roma - tel 06.98358445 - mail redazione@artemagazine.it
Quotidiano di Arte e Cultura registrato al Tribunale di Roma n. 270/2014 - Direttore Responsabile Alessandro Ambrosin
Società editrice ARTNEWS srl via dei Pastini 114, 00186 Roma
P.IVA e C.F. 12082801007

Chi siamo Archivio