160x142_canaletto_2.jpg

Martedì, 29 Marzo 2016 11:46

Palmira, le immagini della distruzione

Scritto da 

Statue e colonne ridotte in frammenti, soldati fra le rovine. Ma soprattutto il museo archeologico depredato dei reperti più importanti, rivenduti al mercato clandestino di opere d'arte: è quanto si vede dalle prime foto che arrivano dai sito

Soldati fra le sale depredate del Museo Archeologico di Palmira Soldati fra le sale depredate del Museo Archeologico di Palmira

ROMA - Una desolante devastazione è quello che salta agli occhi dalle prime immagini che arrivano dal sito archeologico di Palmira, liberata dalla truppe governative di Assad dalla distruttiva presenza delle forze Jadiste.

Con le notizie di un imminente arrivo di tecnici russi inviati da Putin per un'attività di sminamento dell'area, e con i primi video realizzati con droni che ritraggono l'area archeolgica dall'alto, infatti, iniziano a girare in rete anche le prime immagini che mostrano colonne, porticati e tante statue devastate e ormai ridotte in frantumi. Anche se ancora più desolante è la vista delle stanze saccheggiate del museo di Palmira, che custodiva i reperti provenienti dall'area degli scavi. Sono visibili frammenti di marmi ormai ridotti in polvere e le nicchie che contenevano reperti archeolgici saccheggiate e svuotate per andare ad alimentare, con ogni probabilità, il mercato illegale dell'arte, soprattutto mediorientale.

 

Ultima modifica il Martedì, 29 Marzo 2016 12:12



250x300.jpg

Flash News

Mostre*

© ARTEMAGAZINE - via dei Pastini 114, 00186 Roma - tel 06.98358445 - mail redazione@artemagazine.it
Quotidiano di Arte e Cultura registrato al Tribunale di Roma n. 270/2014 - Direttore Responsabile Alessandro Ambrosin
Società editrice ARTNEWS srl via dei Pastini 114, 00186 Roma
P.IVA e C.F. 12082801007

Chi siamo Archivio