160x142 2.jpg

Martedì, 05 Febbraio 2019 10:42

BRAFA Art Fair chiude con 66 mila visitatori e molte vendite

Scritto da 

La sessantaquattresima edizione della fiera si è svolta a Bruxelles, da sabato 26 Gennaio a domenica 3 Febbraio, con una generale soddisfazione da parte dei 133 galleristi internazionali presenti

ph F Debatty ph F Debatty

BRUXELLES - Si è chiusa domenica 3 febbraio 2019 l’edizione numero 64 di BRAFA Art Fair, che ha avuto come ospiti d’onore il duo Gilbert&George con 5 grandi opere esposte all'evento.

In nove giorni la fiera ha visto avvicendarsi oltre 66 mila visitatori, superando il numero dell’anno precedente, secondo anche le aspettative degli organizzatori. BRAFA si conferma dunque tra le fiere più importanti nel settore dell’antiquariato e dell’arte. Negli oltre 15 mila m² di esposizione è stato possibile ammirare opere dall'Età del Bronzo alla produzione contemporanea. 

Sono stati giorni molto significativi per le vendite, in particolare i 3 giorni di preview e il primo weekend di apertura come spiegato da Roberta Tagliavini della galleria Robertaebasta, che ha trovato un acquirente nella prima serata per la libreria Suvretta disegnata da Ettore Sottsass per Memphis Milano. 

Theatrum Mundi ha raccolto grandissimo interesse da parte dei collezionisti fiamminghi: "Abbiamo concluso molte trattative tra cui il costume di Batman (70.000 euro), il disegno originale di Georges Méliès per il film Le Voyage dans la lune del 1902 (25.000 euro) e una fotografia originale della NASA (20.000 euro)" spiega il fondatore Luca Cableri.

Chiale Fine Arts conferma diversi acquisti dei quadri del pittore contemporaneo Giancarlo Giordano: "La partecipazione al BRAFA è fondamentale anche per far conoscere la nuova galleria che abbiamo aperto qui a Bruxelles lo scorso autunno" sottolinea Alessandro Chiale.

Sandro Morelli, alla prima partecipazione, ha subito registrato un paio di vendite e raccolto numerosi contatti; anche Cortesi Gallery, secondo nuovo espositore italiano, può annoverare diverse vendite e incontri molto promettenti. La scelta di mettere in primo piano un'opera dell'artista belga Walter Leblanc ha subito conquistato il pubblico locale. 

Tra le opere di spicco che hanno trovato un acquirente la "Natura morta con fichi" di Pablo Picasso del 1937 ceduta da Galerie Pentcheff.  Si registra anche un rinnovato interesse per i maestri fiamminghi: Lex Antiqua (Chambre Professionnelle Belge de la Librairie Ancienne et Moderne) che ha venduto numerose incisioni di Pieter Bruegel il Vecchio e Rembrandt.  Charly Bailly ha conquistato un'ampia clientela internazionale: 6 opere di valore superiore a 100 mila euro sono destinate a collezioni in Russia, Svizzera, Belgio, olanda e Cina. Galleria Tamenaga ha venduto ben 7 dipinti di Takehiko Sugawara (9-35.000 €), 2 di Tom Christopher (16 e 45.000 €) e uno di Kyosuke Tchinai.

Ottimi i risultati per le gallerie che esponevano pittori belgi come Harold t’Kint de Roodenbeke e Francis Maere Fine Arts: sono sempre molto apprezzati, infatti, i quadri di Paul Delvaux, Léon Spilliaert, Pierre Alechinsky, Fernand Khnopff, James Ensor e Rik Wouters. Il nuovo espositore Heritage Gallery di Mosca, infine, ha catturato l'attenzione di tutti con la sua rara selezione di Art Deco sovietica degli anni '30.

L'edizione 65 di BRAFA Art Fair è in programma a Bruxelles dal 25 Gennaio al 2 Febbraio 2020.

Ultima modifica il Martedì, 05 Febbraio 2019 10:46


300x250 2.jpg

Flash News

Mostre*

© ARTEMAGAZINE - via dei Pastini 114, 00186 Roma - tel 06.98358445 - mail redazione@artemagazine.it
Quotidiano di Arte e Cultura registrato al Tribunale di Roma n. 270/2014 - Direttore Responsabile Alessandro Ambrosin
Società editrice ARTNEWS srl via dei Pastini 114, 00186 Roma
P.IVA e C.F. 12082801007

Chi siamo Archivio