WEB-160x142.gif

Giovedì, 11 Aprile 2019 11:01

Riapre il Parco Archeologico e Culturale del Tuscolo, cuore antico dei Castelli Romani

Scritto da 

Presentato il progetto di riqualificazione “Tuscolo. Il luogo primitivo dell'anima”. Per festeggiare la riapertura sono stati organizzati due giorni di eventi, il 13 e 14 aprile, con laboratori didattici, visite guidate e un concerto

ROMA -  Il "luogo primitivo dell'anima", così  il celebre etnologo Fosco Maraini definiva il territorio dell’antica Tusculum, sottolineando il valore storico e naturalistico di quello che può considerarsi il cuore antico dei Castelli Romani. 

L’antica città latina Tusculum, secondo la  leggenda,  fu fondata da Telegono, figlio di Ulisse e della Maga Circe, intorno al XV secolo a.C.  Dopo essersi opposta  all'espansione di Roma, la città fu sconfitta nel 496 a.C. Sotto il dominio romano, divenne residenza estiva prediletta  di imperatori, senatori e letterati e la sua fama si mantenne viva  fino all'epoca medievale, quando il Comune di Roma ne decise la  distruzione definitiva nel 1191. Dopo un lungo periodo di abbandono e  di saccheggio, nel 1984 la Comunità Montana Castelli  Romani e Prenestini decise di acquistare il sito, circa 50 ettari, dai principi  Aldobrandini. 

Dal 1994, in seguito a un accordo tra la Comunità Montana Castelli Romani e  Prenestini e la Escuela Española de Historia y Arqueología en Roma CSIC, è stato avviato il progetto di ricerca archeologica Tusculum che ha visto a oggi realizzate oltre 20 campagne di scavo. Nel 2013 laScuoladi Archeologia Spagnola a Roma ha indagato per la prima volta l'area del  pianoro antistante il foro.  Nel 2016 e 2017 sono state realizzate due campagne di scavo che hanno portato all'individuazione di una chiesa medievale, con adiacente necropoli, costruita sui resti di un  edificio termale di epoca romana. Attualmente la Comunità Montana, in collaborazione con la Scuola Spagnola e  l'ICVBC-CNR, sta elaborando un progetto per il completamento  dello scavo, il restauro delle strutture e l'inserimento della nuova area nel percorso di visita già esistente. Sarà il più grande scavo mai realizzato a Tuscolo dai tempi di Luciano Bonaparte e di  Luigi Canina. 

I resti del Tuscolo si estendono dunque su una vasta area dominata dalla rupe dell'acropoli. Oggi nel percorso sono visibili i resti del tempio di Mercurio e della  Basilica, l'area dei tempietti e la Fontana Arcaica, il teatro (75 a.C), con la sua struttura primaria, con la cavea a semicerchio divisa in quattro settori in grado di ospitare fino a 350 spettatori. Fuori dall'area del Foro, seguendo i basolati della Via dei Sepolcri, è ancora possibile  vedere i resti dell'edificio termale, recentemente scavato, e del Santuario extraurbano. 

Il Parco riaprirà ufficialmente al pubblico, dopo quasi un anno di  chiusura, nel fine settimana di sabato 13 e domenica 14 aprile 2019. Previsto un ricco programma di attività per grandi e piccoli, tra cui visite guidate, laboratori e un concerto. 

Ultima modifica il Giovedì, 11 Aprile 2019 11:44


WEB-250x300.gif

Flash News

Mostre*

© ARTEMAGAZINE - via dei Pastini 114, 00186 Roma - tel 06.98358445 - mail redazione@artemagazine.it
Quotidiano di Arte e Cultura registrato al Tribunale di Roma n. 270/2014 - Direttore Responsabile Alessandro Ambrosin
Società editrice ARTNEWS srl via dei Pastini 114, 00186 Roma
P.IVA e C.F. 12082801007

Chi siamo Archivio