WEB-160x142.gif

Giovedì, 16 Maggio 2019 12:31

Il re dell'arte kitsch Jeff Koons riconquista lo scettro di artista vivente più caro in asta

Scritto da 

Il suo celebre ed iconico "Rabbit"  è stato battuto da  Christie's a New York per 91,1 milioni di dollari durante la “Evening sale” dedicata all'arte del secondo dopoguerra e contemporanea, sottraendo il record all'artista inglese David Hockney

NEW YORK - "Rabbit", l’iconico coniglio in acciaio inossidabile, realizzato da Jeff Koons nel 1986,  è stato battuto durante la “Evening sale”,  dedicata all'arte del  secondo dopoguerra e contemporanea diChristie's a New York,  per 91,1 milioni di dollari. Il celebre  coniglietto di plastica gonfiabile, ha stabilito il nuovo record  mondiale per un artista vivente.

Il sessantaquattrenne re del kitsch  ha dunque riconquistato  lo scettro di  “artista vivente più caro mai pagato in asta”,  sottratto lo scorso autunno dall'inglese David Hockney con il dipinto "Portrait of an artist (pool with two figures)", venduto sempre da Christie's a New York per 90,3 milioni di dollari. 

Alto 91,4 centimetri, il coniglietto è per i critici allo stesso tempo "carino e imponente, divertente e frivolo, esuberante e perfetto, vacuo, monouso e immortale".

Non è dello stesso parere il critico Vittorio Sgarbi che su Facebook scrive: "Il coniglio in acciaio di Jeff Koons è stato venduto all’asta da Christie’s per 91,1 milioni di dollari. Bene. Adesso suggerisco al proprietario di fonderlo e farci una pentola: la sola cosa utile che potrà ricavarci".

 

Ultima modifica il Venerdì, 17 Maggio 2019 11:15


WEB-250x300.gif

Flash News

Mostre*

© ARTEMAGAZINE - via dei Pastini 114, 00186 Roma - tel 06.98358445 - mail redazione@artemagazine.it
Quotidiano di Arte e Cultura registrato al Tribunale di Roma n. 270/2014 - Direttore Responsabile Alessandro Ambrosin
Società editrice ARTNEWS srl via dei Pastini 114, 00186 Roma
P.IVA e C.F. 12082801007

Chi siamo Archivio