WEB-160x142.gif

Lunedì, 22 Luglio 2019 15:32

Street Art a Roma. Tra ironia e realtà Laika colpisce ancora. Immagini

Scritto da 

Autrice/Attacchina, così si definisce sul suo profilo Instagram questa street artist romana che si è fatta conoscere per l’omaggio a Daniele De Rossi. Ora torna con un “mosaico” di personaggi, dalla sindaca Raggi  a Jovanotti, passando per Matteo Salvini fino a Trump

ROMA -  A maggio aveva dedicato la sua opera a Daniele de Rossi. Su un muro di Piazza Testaccio, il 22 maggio era infatti  comparso un grande manifesto che ritraeva il centrocampista giallorosso con la scritta “Yankee go home”. Su una foto pubblicata sul suo profilo  Instagram la street artist, che si definisce Autrice/Attacchina, scriveva a proposito dell’opera “è un doveroso omaggio a chi, come Daniele, in tutta la sua carriera si è fatto beffe del falso perbenismo e dei disvalori del calcio moderno. E poi a svilire l’etica, in questo caso, ci ha pensato già la proprietà americana, perfetto esempio di quell’arroganza made in U.S.A. che ha rovinato lo sport più bello del mondo”.

A distanza di due mesi Laika torna e questa volta “prende di mira” diversi personaggi del mondo della politica e dello spettacolo, creando un “mosaico” di otto manifesti, accompagnati da un testo introduttivo, il tutto esposto sul muro del mercato Vittoria nel quartiere romano di Prati in via Sabotino. Titolo della mostra/mosaico è  NO EYEZ ON ME.

Protagonisti otto personaggi ben noti sul cui volto è impressa una scritta che, tra ironia e realtà in qualche modo, li definisce. Dalla sindaca di Roma Virginia Raggi che "AMA Roma", al cantante Lorenzo Jovanotti che il “volontariato rende liberi”; dal Ministro Matteo Salvini in versione “Baywatch” al “doppio taglio” del leader nordcoreano Kim Jong Un.

Se è vero che leggere i volti della gente è sempre più difficile, offuscati come sono dalle migliaia di maschere e filtri che usiamo per nascondere la realtà, allora può essere rivoluzionario distorcere quegli stessi filtri fino a capovolgerli, a renderli grotteschi e non-sense e, quindi, straordinariamente veri”. -  Scrive Laika, premettendo: "Nell'era dell'inganno universale, dire la verità è un atto rivoluzionario; ma lo sono anche la bugia, la finzione e lo sberleffo”. 

L’artista spiega poi il senso di questa mostra/mosaico, attraverso la quale intende “ribaltare il concetto di inganno fino a renderlo l'unica cosa della quale ci si possa fidare. In un mondo in cui tutti mentono, voglio dire la verità attraverso il suo contrario, far diventare trasparenti 8 personaggi, scrivendogli sul volto le loro bugie e quelle del nostro mondo, riportando ad una dimensione ironica i grandi temi d’attualità, non per sminuirne l'importanza ma per spersonalizzarli e renderli universali”.

“Ogni viso - continua Laika - è accompagnato da una didascalia chiaramente assurda, distopica, ma comunque non troppo lontana dalla realtà. C’è una critica ad alcuni dei volti, non è difficile capire quali, mentre altri sono solo il veicolo per un messaggio da comunicare.  Quindi Greta Thumberg canta ‘life in plastic is fantastic’ contro chi denuncia il problema dell'inquinamento e non fa nulla per porvi rimedio, o il dottor House diventa un antivaccinista, per prendere in giro le presunte tesi scientifiche dei no vax”.

Laika strizza anche un occhio alla cultura trash. Ci sono infatti Donald Trump e Pamela Prati, “perché uno non è migliore o intrinsecamente più importante dell'altra: fanno tutti parte dello stesso mondo disperato, artificiale e bugiardo”.

Come buona parte della street art, anche in questo caso lo scopo è divertire e far riflettere al tempo stesso. NO EYEZ ON ME dunque - sottolinea Laika - è “una risata amara che serve a seppellire il vuoto che siamo diventati.

Ultima modifica il Lunedì, 22 Luglio 2019 16:04


WEB-250x300.gif

Flash News

Mostre*

© ARTEMAGAZINE - via dei Pastini 114, 00186 Roma - tel 06.98358445 - mail redazione@artemagazine.it
Quotidiano di Arte e Cultura registrato al Tribunale di Roma n. 270/2014 - Direttore Responsabile Alessandro Ambrosin
Società editrice ARTNEWS srl via dei Pastini 114, 00186 Roma
P.IVA e C.F. 12082801007

Chi siamo Archivio