WEB-160x142.gif

Martedì, 30 Luglio 2019 10:59

Firenze, il ritorno de "La cattura di Cristo", bellissima copia del Caravaggio

Scritto da 

A Palazzo Pitti ritorna dopo un lungo restauro la copia del capolavoro del Merisi, protagonista anche di un libro che ne racconta i segreti e il recupero

Firenze. A realizzarla fu un contemporaneo del Caravaggio e la tecnica è considerata sopraffina. La copia de "La cattura di Cristo, torna in esposizione a Palazzo Pitti, e diventa la protagonista di un accurato volume che ne ricostruisce l'attento recupero raccontandone allo stesso tempo la storia e i segreti. 

La copia, per molto tempo è stata ignorata e 'snobbata' dagli studiosi, per essere addirittura allontanata all’inizio del Novecento dalle raccolte di Palazzo Pitti e consegnata in deposito esterno, prima alla Prefettura di Pistoia, poi a Firenze alla Caserma Baldissera dell’Arma dei Carabinieri, per arredarne le sedi istituzionali. Ora, restaurata e sottoposta a studi di esperti e storici dell'arte, la replica della Cattura riemerge dall'oblio: non solo è da oggi esposta nella sala di Berenice di Palazzo Pitti (la stessa dove risplende da qualche giorno, dopo dieci anni di oblio, la Madonna della Gatta di Federico Barocci), ma è diventata anche protagonista di un libro ad essa dedicato ('La Cattura di Cristo da Caravaggio. Un recupero per le Gallerie degli Uffizi'), curato da Gianni Papi e Maria Sframeli ed edito da Sillabe, che ne ricostruisce la storia e racconta i dettagli del suo recupero.

Grazie alle accurate ricerche che costituiscono il cuore del volume, è stato possibile accertare la provenienza della tela dal castello lorenese di Commercy: dallo stesso luogo, ha svelato la lettura degli inventari, arrivarono molti altri quadri ad arricchire le collezioni granducali fiorentine, primo fra tutti uno dei capolavori di Rubens, I quattro filosofi (esposto nella Galleria Palatina) la cui origine era rimasta finora nell’ombra.

"Una nuova prova della grande generosità e del grande amore per Firenze degli Asburgo-Lorena - spiega il direttore delle Gallerie degli Uffizi Eike Schmidt - i quali, sia con il trasferimento a Firenze di loro opere di assoluto rilievo dalle loro residenze e anche dalla capitale, Vienna, sia attraverso successive campagne di acquisti d'arte, talvolta di intere raccolte nobiliari, incrementarono il valore degli Uffizi e di Palazzo Pitti in maniera rilevante".

Ultima modifica il Martedì, 30 Luglio 2019 11:26


WEB-250x300.gif

Flash News

Mostre*

© ARTEMAGAZINE - via dei Pastini 114, 00186 Roma - tel 06.98358445 - mail redazione@artemagazine.it
Quotidiano di Arte e Cultura registrato al Tribunale di Roma n. 270/2014 - Direttore Responsabile Alessandro Ambrosin
Società editrice ARTNEWS srl via dei Pastini 114, 00186 Roma
P.IVA e C.F. 12082801007

Chi siamo Archivio