WEB-160x142.gif

Mercoledì, 21 Agosto 2019 15:34

Napoli, reperti archeologici recuperati dalla Guardia di Finanza in una residenza privata

Scritto da 

Elementi architettonici, colonne, coppe intarsiate, anfore di ceramica finemente dipinte e anche una statuetta votiva. Sono questi una parte degli oggetti, risalenti a diversi periodi storici compresi tra il V e il XIX secolo, sequestrati dai finanzieri 

NAPOLI - Un’operazione svolta dai finanzieri del I Gruppo Napoli e della tenenza di Ischia ha permesso di recuperare reperti archeologici risalenti a diversi periodi storici compresi tra il V e il XIX secolo, all'interno di una residenza privata a Napoli. 

Si tratta di elementi architettonici, come parti di lesene, colonne e figure mitologiche, coppe intarsiate, scodelle,  anfore di ceramica finemente dipinte e perfino una statuetta votiva, che venivano utilizzati come abbellimenti domestici.

Attualmente gli oggetti sono a disposizione dell'autorità giudiziaria e  saranno successivamente sottoposti a una più attenta e precisa perizia tecnica e anche a un  lavoro di restauro, a cura della Soprintendenza  archeologia delle belle arti e paesaggio per l'area metropolitana di  Napoli,  per essere successivamente esposti al pubblico.

Nel frattempo il detentore dei reperti, un cittadino italiano, è stato denunciato alla  Procura per il reato di ricettazione in relazione agli articoli 175 e176 del Codice dei Beni culturali, i quali puniscono chi, omettendo di denunciarne il possesso, detiene, senza alcun titolo, beni di  interesse storico-archeologico di proprietà dello Stato.    

Ultima modifica il Mercoledì, 21 Agosto 2019 15:39


WEB-250x300.gif

Flash News

Mostre*

© ARTEMAGAZINE - via dei Pastini 114, 00186 Roma - tel 06.98358445 - mail redazione@artemagazine.it
Quotidiano di Arte e Cultura registrato al Tribunale di Roma n. 270/2014 - Direttore Responsabile Alessandro Ambrosin
Società editrice ARTNEWS srl via dei Pastini 114, 00186 Roma
P.IVA e C.F. 12082801007

Chi siamo Archivio