160x142-banksy-palermo.gif

Martedì, 14 Luglio 2020 22:32

Coronavirus. L'ultimo video satirico di Banksy invita all'uso della mascherina

Scritto da 

L’artista di Bristol nella sua ultima opera si occupa ancora di Covid-19e posta sul suo profilo Instagram un video, subito diventato virale, nel quale sensibilizza sull'uso della mascherina attraverso le immagini di topi "irrispettosi"

LONDRA - Si intitola  “London Underground, undergoes deep clean“ - La metropolitana di Londra sottoposta a una profonda pulizia” l’ultima trovata di Banksy, postata sul suo profilo Instagram.

Si tratta di un video introdotto dalla frase che lo street artist scrive sul social: If you don't mask - you don't get" (Se non ti metti la mascherina, non puoi farcela)

Il protagonista è un uomo, probabilmente lo stesso artista, vestito come un addetto alla sanificazione dei mezzi pubblici, totalmente coperto anche sul viso. L’uomo però non pulisce gli spazi comuni, al contrario si mette a dipingere prima un topo che starnutisce e getta una nube di germi intorno a sé, mentre un altro topo invece usa la mascherina come paracadute e un altro ancora con della vernice spray scrive “Banksy”.

Il video si chiude con la celebre canzone “Tubthumping” dei Chumbawamba, che recita “I get knocked down, but I get up again” (sono caduto a terra ma mi sono rialzato). Alla fine le porte della metropolitana si chiudono e appare una scritta che riadatta alla pandemia il ritornello della canzone: “I get lockdown, but I get up again”, “sono stato in lockdown, ma mi sono rialzato”. 

Sempre topi erano stati protagonisti di un precedente lavoro realizzato sulle pareti del suo bagno di casa durante lockdown.

 

 
 
 
Visualizza questo post su Instagram
 
 

. . If you don’t mask - you don’t get.

Un post condiviso da Banksy (@banksy) in data:

Ultima modifica il Martedì, 14 Luglio 2020 22:44


300x250 Michelangelo - artemagazine.jpg

Flash News

Mostre*

© ARTEMAGAZINE - via degli Spagnoli, 24 00186 Roma - tel 06 8360 0145 - mail redazione@artemagazine.it
Quotidiano di Arte e Cultura registrato al Tribunale di Roma n. 270/2014 - Direttore Responsabile Alessandro Ambrosin
P.IVA e C.F. 12082801007

Chi siamo Archivio