IMG_4882.JPG

Martedì, 13 Novembre 2018 13:08

Banksy sceglie il World Trade Market di Londra per la sua ultima provocazione

Scritto da 

Nuova sfida ad alto tasso di "provocazione" per il misterioso artista che stavolta  ha addirittura partecipato a una delle più importanti fiere dedicate al turismo, nello stand della Palestina 

LONDRA - Dopo aver letteralmente scioccato il mondo dell’arte, e non solo, con la distruzione della sua opera da Sotheby’s il mese scorso, Banksy è tornato con una nuova provocatoria “performance”.

L’artista  ha infatti partecipato al World Trade Market di Londra, una delle più importanti fiere dedicate al turismo, dove ha esposto, nello stand della Palestina, la replica del suo murale realizzato sulla "barriera" di separazione eretta in Cisgiordania da Israele per impedire potenziali aggressioni da parte dei palestinesi. Lo street artist ha poi regalato mille poster di una sua opera in cui critica in maniera "satirica" il conflitto tra Israele e Palestina. 

La replica, come il murale originale, raffigura due angeli che si allontanano  l’uno dall’altro, simbolo appunto del conflitto che coinvolge le due Nazioni. Il murale è visibile dal Walled off Hotel  ovvero "l'albergo fuori dal muro”, realizzato dall’artista in Cisgiordania e arredato con le sue opere. 

"Ho dipinto una replica della barriera di separazione per promuovere il Walled Off hotel”, ha scritto Banksy su Instagram. "Ironia della sorte i vicini si sono lamentati che è troppo alta."

Mentre sul poster si legge “Visitate la Palestina storica. All’esercito israeliano è piaciuta così tanto che non l’hanno più lasciata”. 

L’atto compiuto da Banksy, si legge su un articolo di ArtnetNews, è stato elogiato dal ministro del turismo palestinese Rula Maayah, fan del Walled Off Hotel,la quale ha affermato, relativamente al lavoro dell'artista: "Promuove la Palestina e si concentra sull'occupazione, ma allo stesso tempo sta parlando della bellezza della Palestina".

Meno entusiasta invece la filantropa Batia Ofer, che fa parte anche del consiglio internazionale di Sotheby’s, e che in un post su Instagram scrive: "Puoi criticare Israele per la situazione attuale e sono totalmente a favore di una soluzione tra i due Stati, altresì combatto per la giustizia da entrambe le parti" E aggiunge  "Il servizio militare in Israele è obbligatorio! Quindi il tuo poster sta denunciando tutti gli israeliani! I tuoi manifesti assomigliano alla propaganda nazista negli anni '30 e diffondono l'antisemitismo".

Il poster di Banksy è scaricabile anche sul sito ufficiale 

 

Ultima modifica il Martedì, 13 Novembre 2018 14:15



IMG_4884.JPG

Flash News

Mostre*

© ARTEMAGAZINE - via dei Pastini 114, 00186 Roma - tel 06.98358445 - mail redazione@artemagazine.it
Quotidiano di Arte e Cultura registrato al Tribunale di Roma n. 270/2014 - Direttore Responsabile Alessandro Ambrosin
Società editrice ARTNEWS srl via dei Pastini 114, 00186 Roma
P.IVA e C.F. 12082801007

Chi siamo Archivio