IMG_4882.JPG

Giovedì, 15 Novembre 2018 11:21

In un Battistero nel Sud di Israele un nuovo volto di Cristo

Scritto da 

La scoperta si deve a un gruppo di studiosi dell'università israeliana di Haifa ed è stata pubblicata sulla rivista “Antiquity”. L’insolita immagine di Cristo è stata dipinta cinque secoli dopo la sua morte

Dror Maayan, Antiquity Dror Maayan, Antiquity

 ROMA - E’ un volto insolito di Cristo quello che alcuni studiosi, coordinati da Emma Maayan-Fanar, hanno identificato nel Battistero del sito bizantino di Shivta, nel deserto del Negev, nel Sud di Israele.

Capelli corti e ricci, volto senza barba e caratterizzato da grandi occhi e naso lungo, una rappresentazione quindi molto distante rispetto a quella tradizionale, con lineamenti occidentali, barba e capelli lunghi. 

La scoperta del dipinto in realtà risale agli anni '20, ma il suo cattivo stato di conservazione non aveva permesso un’osservazione attenta. Al contrario invece, Emma Maayan-Fanar ha raccontato che di recente è stato possibile interpretare e definire l’immagine, seppur sbiadita. La ricercatrice riferisce che il dipinto raffigura il volto Gesù, ritratto durante il suo battesimo. Sulla sinistra è visibile un’altra figura che è possibile identificare con quella di Giovanni Battista. 

Lo schema iconografico di un Cristo dai capelli corti - spiegano i ricercatori - era diffuso in Egitto, in Siria e in Palestina, mentre era scomparso nell’arte bizantina. 

L’immagine, anche in base alla sua posizione nell’abside del Battistero, è stata datata intorno al VI secolo. 

Ultima modifica il Giovedì, 15 Novembre 2018 11:45



IMG_4884.JPG

Flash News

Mostre*

© ARTEMAGAZINE - via dei Pastini 114, 00186 Roma - tel 06.98358445 - mail redazione@artemagazine.it
Quotidiano di Arte e Cultura registrato al Tribunale di Roma n. 270/2014 - Direttore Responsabile Alessandro Ambrosin
Società editrice ARTNEWS srl via dei Pastini 114, 00186 Roma
P.IVA e C.F. 12082801007

Chi siamo Archivio