WEB-160x142.gif

Venerdì, 09 Agosto 2019 10:46

A Cuma ritrovata la tomba del vescovo

Scritto da 

ROMA - La tomba del vescovo Aurelio è emersa nell’antichissima acropoli di Cuma. A portarla alla luce un gruppo di studenti, archeologi e architetti, che hanno partecipato allo scavo condotto dal Dipartimento di Lettere e beni culturali dell'Università Luigi Vanvitelli.

Cuma, l'area archeologica in un immagine di repertorio Cuma, l'area archeologica in un immagine di repertorio

La conferma che si tratti proprio della tomba del vescovo viene dall'iscrizione: una chiarissima incisione che recita “Ego Aurelius”, poi la sigla “Eps” di “Episcopus ”: “Io, Aurelio, vescovo”.

Guidati dal professore di Archeologia classica dell’ateneo campano, Carlo Rescigno, gli scavi sono durati più di un mese, tra fine giugno e inizio agosto, e hanno stupito per la ricchissima stratigrafia. Infatti, sulla sommità dell’acropoli “in meno di un metro di profondità, – racconta Rescigno al quotidiano La Repubblica – si sovrappongono venti secoli: era greca, italica, romana e medievale. In ognuna di esse, questo luogo è stato il centro spirituale della città”. Nel Medioevo Cuma si trasformò poi in un villaggio fortificato. 

Ultima modifica il Lunedì, 12 Agosto 2019 10:25


WEB-250x300.gif

Flash News

Mostre*

© ARTEMAGAZINE - via dei Pastini 114, 00186 Roma - tel 06.98358445 - mail redazione@artemagazine.it
Quotidiano di Arte e Cultura registrato al Tribunale di Roma n. 270/2014 - Direttore Responsabile Alessandro Ambrosin
Società editrice ARTNEWS srl via dei Pastini 114, 00186 Roma
P.IVA e C.F. 12082801007

Chi siamo Archivio