160x142-picasso.gif

Martedì, 04 Febbraio 2020 14:23

Ad Amelia la mostra installazione dedicata al generale romano Germanico. Le foto

Scritto da 

Inaugurata il 10 ottobre 2019, l’esposizione  “Germanico Cesare... a un passo dall’Impero”, allestita  presso il Museo archeologico, viene prorogata fino al giorno dell’anniversario della nascita di Germanico 

TERNI - Sono stati 3507 i visitatori che hanno ad oggi apprezzato la mostra installazione “Germanico Cesare... a un passo dall’Impero”, allestita presso il Museo archeologico di Amelia,  dal 10 ottobre 2019. 

In considerazione del grande successo di pubblico, grazie ad un ulteriore contributo del MIBACT, l'eposizione viene prorogata al 24 maggio 2020, data  di nascita di Germanico. Inoltre proprio in questo giorno, nel 2019, si dava l’avvio alle celebrazioni del Bimillenario con un Convegno internazionale.

La mostrapresenta, attraverso percorsi multisensoriali, diversi aspetti della vita del generale romano, di cui Amelia conserva l'unica statua bronzea giunta fino a noi. L’esposizione si apre con la proiezione immersiva della morte di Germanico dal quadro di Poussin di Minneapolis. Si tratta del quadro più celebre dedicato a questo soggetto: animato a grandezza naturale, trasformerà il pubblico in spettatore al capezzale del generale. Farà da ‘controcanto’ la scena di Agrippina che sbarca a Brindisi con le ceneri del marito, nella versione più riuscita del pittore americano Benjamin West.

Durante il percorso di mostra, attraverso il sistema di illuminazione, la narrazione visiva alterna fasi della morte e della vita di Germanico. Una videoproiezione descrive il suo all’interno della dinastia giulio-claudia, raccontando alcune vicende maggiormente rappresentative. Appendici della mostra sono il video sulla ricostruzione di Amelia in età romana e, naturalmente, la meravigliosa statua bronzea conservata al museo.

Rinvenuta nel 1963 ad Amelia, la scultura è alta più di due metri, armata e coperta da una corazza riccamente decorata, e raffigura il generale Nero Claudio Druso Germanico.Nato a Roma nel 15 a.C., sotto il regno dell’imperatore Augusto, era figlio del condottiero Druso Maggiore, fratello del futuro imperatore Tiberio. Fu adottato dallo zio Tiberio per volontà dello stesso Augusto, che voleva assicurarsi la successione e che gli diede in sposa la nipote Agrippina Maggiore. Germanico fece una brillante carriera politica e militare. Dopo la morte furono tributati a Germanico grandi onori: le sue ceneri furono deposte a Roma accanto a quelle di Augusto e gli furono erette numerosissime statue sia in Italia sia nelle province. Il bronzo di Amelia era probabilmente collocato nel campus della città romana, l’area destinata agli esercizi fisici e militari della gioventù locale. 

Durante tutto il periodo delle celebrazioni, molte iniziative collaterali hanno già arricchito il programma degli eventi: esibizioni musicali e teatrali, presentazioni di libri e saggi sulla figura di Germanico; mostre allestite in varie zone della città, performance artistiche, conferenze e approfondimenti su usi e costumi della società romana, sulla vita e la storia di Germanico, degustazioni e banchetti, workshop, laboratori e attività creative per famiglie e bambini.

Vademecum

Germanico Cesare... a un passo dall’Impero
Fino al 24 maggio 2020
Amelia, Museo Archeologico
Apertura al pubblico: 10 ottobre 2019, ore 16.30
Orario: tutti i giorni inclusi i festivi ore 10-13 / 14-17 (chiuso il mercoledì e Natale). È possibile prenotare l’apertura straordinaria per visite riservate.
Biglietto: Intero euro 7; ridotto A euro 5 (gruppi +15; convenzionati TCI, Fai, Confederazione Italiana Campeggiatori, Igers Italia, Biglietto unico di Bevagna, Umbria green card, Museo diocesano Città di Castello, Umbria sì, Villa dei Mosaici di Spello);
ridotto B euro 2 (6-14 anni); gratuito bambini fino a 5 anni, soci ICOM, giornalisti accreditati, guide turistiche abilitate, scolaresche e ragazzi che effettuano attività didattiche, disabili con accompagnatore, residenti comune di Amelia (ridotto negli altri musei dei circuito).
Il biglietto generico è valido 15 giorni, il biglietto nominativo 3 mesi.
Informazioni: Museo Archeologico T. +39 0744 978120 Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
www.bimillenariogermanico.it

 

Ultima modifica il Giovedì, 06 Febbraio 2020 10:39



250x300Haring.gif

Flash News

Mostre*

© ARTEMAGAZINE - via degli Spagnoli, 24 00186 Roma - tel 06 8360 0145 - mail redazione@artemagazine.it
Quotidiano di Arte e Cultura registrato al Tribunale di Roma n. 270/2014 - Direttore Responsabile Alessandro Ambrosin
Società editrice ARTNEWS srl via dei Pastini 114, 00186 Roma
P.IVA e C.F. 12082801007

Chi siamo Archivio