160x142-banksy-palermo.gif

Martedì, 16 Giugno 2020 11:02

Recuperati tra Anagni e Segni 46 reperti archeologici

Scritto da 

I beni, risalenti a un periodo compreso tra il II secolo a.C. ed il VI-VII secolo d.C., sono stati individuati dai finanzieri del Comando provinciale di Roma nel corso di un controllo fiscale in un agriturismo 

ROMA - Sono 46 i reperti archeologici recuperati nel corso di un controllo fiscale in un agriturismo tra Segni ed Anagni.  Si tratta di beni risalenti al II secolo a.C. e al VI-VII secolo d.C..

Tra gli oggetti recuperati e sequestrati ci sono alcuni mortai in calcare, un capitello in travertino, un'ara funeraria romana in marmo, una vasca in pietra di trachite, colonnine in marmo e una cornice modanata in tufo. Ulteriori reperti, quali colonne, capitelli, tubuli in terracotta, brocche, lucerne, statue votive in terracotta e mensole, sono stati poi scoperti nel corso di una perquisizione nell'abitazione degli indagati ad Anagni  e in un magazzino a Segni. 

L’autenticità dei reperti è stata confermata da un esperto del Museo archeologico di Colleferro, dove i beni sono stati affidati in custodia. Seguirà la classificazione e l'assegnazione definitiva per il restauro e per la successiva esposizione al pubblico da parte della Soprintendenza Archeologia Belle Arti e Paesaggio. 

Ultima modifica il Martedì, 16 Giugno 2020 11:14


300x250 Michelangelo - artemagazine.jpg

Flash News

Mostre*

© ARTEMAGAZINE - via degli Spagnoli, 24 00186 Roma - tel 06 8360 0145 - mail redazione@artemagazine.it
Quotidiano di Arte e Cultura registrato al Tribunale di Roma n. 270/2014 - Direttore Responsabile Alessandro Ambrosin
P.IVA e C.F. 12082801007

Chi siamo Archivio