160x142-banksySarzana.gif

Mercoledì, 10 Marzo 2021 12:35

Il nuovo corso della Galleria Nazionale delle Marche annunciato dal direttore Luigi Gallo

Scritto da 

Il museo si proietterà verso i nuovi scenari con un approccio che vedrà il Palazzo Ducale e le sue collezioni al centro dell’interesse

Galleria Nazionale delle Marche Galleria Nazionale delle Marche

URBINO - Con la mostra Raffaello e gli Amici di Urbino, svoltasi tra l’ottobre del 2019 ed il gennaio 2020,  si è chiuso alla Galleria Nazionale delle Marche il mandato del precedente Direttore e, dopo un periodo di interim, è subentrato il Dott. Luigi Gallo.

La Galleria è pronta ad intraprendere un nuovo percorso che vedrà il palazzo e le sue collezioni al centro dell’interesse. 

Nonostante le difficoltà del momento, legate all’emergenza sanitaria, le attività culturali del museo proseguono sia in presenza che online, ed è stata avviata una massiccia campagna di comunicazione via social con programmi divulgativi di qualità rappresentati, principalmente, dal web serie Il Museo si Racconta

Intanto è stata prorogata, fino al 24 ottobre, la mostra Spiriti. Otto fotografi raccontano Giancarlo De Carlo a Urbino: la proroga non vuole soltanto permettere al pubblico di godere della mostra (e dell’interessante allestimento) che, causa COVID, è stata per molto tempo chiusa al pubblico, ma vuole segnare anche l’attenzione che l’attuale Direzione ha per l’architettura e l’arte contemporanee. In primavera aprirà la mostra Sul Filo di Raffaello. Impresa e Fortuna nell’Arte dell’Arazzo: sarà allestita nella splendida cornice del Salone del Trono del Palazzo Ducale di Urbino e chiuderà, almeno simbolicamente, le celebrazioni raffaellesche. La prima proposta per il 2021, anno dantesco, sarà una mostra incentrata sul rapporto tra l’immaginario scaturito dalla Commedia dello scrittore fiorentino e l’architettura contemporanea, che vedrà esposte, per la prima volta, le superbe tavole del progetto del Danteum di Giuseppe Terragni e Pietro Lingeri.

Al centro dell’interesse del nuovo percorso c’è lo stesso Palazzo Ducale, da considerare non solo cornice per avvenimenti, ma protagonista. 

Il palazzo che fu del Duca Federico è infatti, esso stesso, una delle principali opere d’arte della collezione della Galleria Nazionale delle Marche, collezione che deve tornare in prima linea nei progetti di valorizzazione, con i suoi capolavori internazionalmente noti affiancati a quelli che, più specificatamente, raccontano questo territorio così ricco di storia e cultura. Ed al palazzo e alle sue collezioni, saranno dedicati gli sforzi dei prossimi mesi, con l’ampliamento del percorso espositivo, una maggiore accessibilità, il riallestimento di alcune sale e lo studio di una nuova illuminazione. Ma anche con nuovi progetti di divulgazione, di strumenti di supporto per i visitatori e occasioni di incontro e riflessione sul mondo delle arti visive e non solo. Un nuovo racconto museale più vicino agli utenti, che li coinvolga maggiormente instaurando, con il pubblico della Galleria Nazionale delle Marche, un vero e proprio dialogo.

Vademecum

Galleria Nazionale delle Marche
Palazzo Ducale di Urbino
Piazza Rinascimento 13, 61029 Urbino (PU)
Telefono: 0722 2760
www.gallerianazionalemarche.it

 

Ultima modifica il Mercoledì, 10 Marzo 2021 12:40


300x250-banksySarzana.gif

Flash News

Mostre*

© ARTEMAGAZINE - via degli Spagnoli, 24 00186 Roma - tel 06 8360 0145 - mail redazione@artemagazine.it
Quotidiano di Arte e Cultura registrato al Tribunale di Roma n. 270/2014 - Direttore Responsabile Alessandro Ambrosin
P.IVA e C.F. 12082801007

Chi siamo Archivio