Stampa questa pagina
Lunedì, 18 Luglio 2016 14:56

Calabria. Partono a settembre nuovi scavi archeologici a Locri Epizefiri

Scritto da 

Un accordo di collaborazione scientifica pluriennale siglato tra la Scuola Normale Superiore di Pisa e la Soprintendenza Archeologia della Calabria e il Polo Museale della Calabria, permetterà l'avvio di nuove ricerche archeologiche nel sito dell'antica città greca

PISA - Le ricerche, individuate, concordate e promosse in stretta collaborazione con il Museo e Parco Archeologico di Locri e Kaulon, diretto da Rossella Agostino, rientrano nel programma del Laboratorio di Storia Archeologia Epigrafia e Tradizione dell'Antico (Saet) della Scuola Normale di Pisa, diretto da Andrea Giardina, con il  coordinamento scientifico di Gianfranco Adornato. Il Laboratorio, fondato nel 1984 da Giuseppe Nenci, e diretto  successivamente con risultati di grande rilievo da Carmine Ampolo, sceglie oggi la città di Locri come osservatorio privilegiato in campo archeologico e come vera e propria palestra di formazione e di metodo per gli studenti e i perfezionandi della Scuola. Inoltre queste attività del Laboratorio risultano estremamente importanti ai fini di un piano di valorizzazione del Museo e di alcune aree importanti del Parco Archeologico di Locri. Infatti l’antica Locri, che con il tempo non ha mai finito di stupire, è stata oggetto di scavi e di ricerche solo in piccola parte. Nel corso dei secoli molti viaggiatori hanno parlato dell'antica Locri Epizefiri nei loro resoconti di viaggio; resoconti attraverso i quali si è venuti a conoscenza dello stato di conservazione dei resti dell'antica città nelle varie epoche.  Già a partire dall’Ottocento cominciarono degli studi sull’antico sito, che a periodi alterni vennero interrotti e poi ripresi fino ad arrivare ai nostri giorni. E’ quindi certo che con l’avvio di nuovi scavi potranno emergere nuove meraviglie dal suolo locrese. 

Redazione

Ultimi da Redazione

Articoli correlati (da tag)