160x142-banksy-palermo.gif

Lunedì, 09 Gennaio 2017 14:56

Palermo a Villa Magnisi nasce “Yellow”, un nuovo modo di vivere l’arte

Scritto da 

L’iniziativa intende promuovere un nuovo modo di vivere l’arte che miri al maggior coinvolgimento e alla partecipazione del pubblico, soprattutto dei giovani

PALERMO - Si chiama  “Yellow - un nuovo modo di vivere l’arte” il progetto che trasformerà Villa Magnisi di Palermo in un laboratorio di esperienze culturali e in uno spazio espositivo per l’arte contemporanea. L’iniziativa è stata ideata dagli artisti Tommaso Chiappa e Alessandro Di Giugno, con l’intento di valorizzare la splendida villa settecentesca, sede dell’Ordine dei Medici di Palermo.

Il progetto nasce dalla volontà di creare un ponte tra la Sicilia e aree geografiche altrettanto vivaci e ricche di fermenti artistico-culturali, cercando di instaurare un dialogo fecondo tra il pubblico, giovani esponenti dell’arte e della fotografia siciliana - come Stefania Romano, Paola Schillaci, Riccardo Paternò Castello, Tiziana Battaglia, Alessandro Di Giugno, Francesco Conte e altri – e i rappresentanti della scuola lombarda del nuovo futurismo - da Dario Brevi a Gianni Cella - e altri artisti, come Leonardo Santoli, Olinsky, Gianfranco Sergio, Emanuele Gregolin, Sabrina Romanò, Davide Ferro, Massimo Romani, Lele Picà, Mauro Rea, Vittorio Valente.

Spiega Tommaso Chiappa: «Tutto è nato dopo la mia mostra personale di pittura “Origine”, tenutasi la scorsa primavera a Villa Magnisi. Da qui è scaturita l’idea di trasformare questo luogo magico e raffinato in un laboratorio di idee e di arte contemporanea, un luogo simbolo per Palermo e per la Sicilia. Vivendo da tempo al Nord, avverto l’esigenza di creare spazi e momenti di confronto, riflessioni e stimoli anche qui in Sicilia. Scambiando alcune idee progettuali con alcuni artisti, tra cui Alessandro Di Giugno e Davide Ferro, è nata l’idea di creare questo nuovo progetto dove l’arte diventa interazione e scambio».

Gli eventi saranno costruiti di volta in volta intorno a una parola-chiave che racchiude l’essenza della contemporaneità. Ogni appuntamento sarà dunque un “contenitore” di esperienze artistiche e culturali. Il primo appuntamento dal titolo “Identità”/”Identity”  è previsto dal 21 gennaio al 26 febbraio, seguiranno “Integrazione”/”Integration”, dal 25 marzo al 23 aprile. L’ultimo, “Confine”/”Border”, dal 3 al 30 giugno.

Tutti gli eventi si inaugureranno alle ore 18,00; visite: martedì e giovedì ore 15,00-18,00, gli altri giorni su appuntamento. Al termine del progetto, sarà presentato un libro-catalogo della casa editrice People & Humanities che racchiuderà i testi, le opere e il resoconto fotografico dell’intero percorso.

Ultima modifica il Lunedì, 09 Gennaio 2017 15:47


300x250 Michelangelo - artemagazine.jpg

Flash News

Mostre*

© ARTEMAGAZINE - via degli Spagnoli, 24 00186 Roma - tel 06 8360 0145 - mail redazione@artemagazine.it
Quotidiano di Arte e Cultura registrato al Tribunale di Roma n. 270/2014 - Direttore Responsabile Alessandro Ambrosin
P.IVA e C.F. 12082801007

Chi siamo Archivio