555400000.jpg

Giovedì, 26 Gennaio 2017 13:40

Archeologia. Taranto, scoperta in mare una piccola scultura greca del IV sec. a.C.

Scritto da 

La statuetta, scoperta a circa 15 metri di profondità da un sub, è stata presa in consegna dai carabinieri per verifiche. Il reperto raffigura una donna che dovrebbe con tutta probabilità rappresentare Afrodite

TARANTO - È stata rinvenuta al largo di Capo San Vito a Taranto, a circa 15 metri di profondità, una scultura greca risalente probabilmente al quarto secolo avanti Cristo. Autore della scoperta un subacqueo e tennista professionista, Luca Dinoi. Dinoi ha contatto un consigliere comunale che a sua volta ha informato il sindaco di Taranto,Ippazio Stefàno. Il sindaco ha quindi prontamente segnalato il ritrovamento alla Soprintendenza archeologica di Taranto e al Nucleo Carabinieri che si occupa della tutela del patrimonio artistico. 

La statua, presa in consegna dai carabinieri per le ulteriori verifiche, raffigura una donna che si deterge il piede e dovrebbe con tutta probabilità rappresentare Afrodite.

La scoperta è avvenuta in maniera del tutto casuale, quando il sub poggiando il gomito sul fondale ha sentito una superficie ruvida e scavando ha rinvenuto la statuetta. Il reperto, secondo il parere di una archeologa contattata dal sindaco, potrebbe essere di età ellenista e risalire quindi al IV secolo avanti Cristo. Il sub ha inoltre riferito di aver intravisto anche un vaso, per cui saranno fatte ulteriori verifiche nella zona. 

Ultima modifica il Giovedì, 26 Gennaio 2017 13:49

300X300.jpg

Flash News

Mostre*